Formula 1Mercato Piloti F1

Herta in AlphaTauri: la caccia al prossimo pilota Red Bull è iniziata

Christian Horner punta al giovane pilota statunitense, eppure la FIA non sembra disposta a concedergli uno sconto sulla superlicenza

Un nuovo giovane talento che possa raggiungere in futuro il sedile Red Bull: Horner punta su Herta, ma la FIA gli rende le cose difficili

Da quando Fernando Alonso ha annunciato di correre per Aston Martin il prossimo anno, l’Alpine si ritrova a corto di un pilota. E quando Oscar Piastri è stato confermato in McLaren, la situazione è diventata ancora più scomoda. Ma fra le alternative del team di Enstone potrebbe esserci Pierre Gasly. Horner ha infatti dichiarato nei giorni scorsi che sarebbe pronto a lasciar andare il pilota francese. A patto, però, che questa mossa gli porti dei benefici. Ovvero, che il suo posto in AlphaTauri sia poi ricoperto da Colton Herta, giovane pilota IndyCar.

Dalle parole di Horner, è evidente che il team abbia interesse a investire su Herta. Anche nel lungo futuro, con una possibilità in Red Bull. Horner dice infatti: “Penso che sia un talento entusiasmante. E’ un giovane ragazzo americano che è stato un gran talento negli Stati Uniti. Quindi sarà molto interessante vedere come si comporta in Formula 1. La Formula 1 ovviamente sta crescendo in popolarità nel mercato statunitense in questo momento. E avere un pilota statunitense di successo potrebbe essere molto interessante. Potrebbe essere interessante per noi, a lungo termine. Voglio dire, abbiamo giù contratti con i nostri piloti. Ma l’AlphaTauri e la ex Toro Rosso hanno prodotto una grande scuderia di piloti da cui attingere negli anni. Che si tratti di Vettel, Verstappen, o Ricciardo“.

HERTA IN ALPHA-TAURI: UN PROGETTO IMPOSSIBILE?

Eppure, realizzare questo progetto non si rivela un’impresa semplice. Infatti, il sistema di punti per la superlicenza tra IndyCar e Formula 1 è diverso. E se i vertici della FIA non concederanno uno sconto a Colton Herta, il sogno di Horner non potrà realizzarsi. Cosa molto probabile, in quanto lo stesso Domenicali ha affermato di volere che questo processo sia rispettato. “Penso che sia un problema FIA, abbiamo solo bisogno di chiarezza su qual è la situazione per quanto riguarda i punti pilota” ha ammesso Horner.

Ovviamente, in termini di chiarimento sui punti per un pilota che cerca di entrare in Formula 1, devi sapere che hai delle opzioni. E se quell’opzione non c’è, allora gli altri fattori scatenanti non entreranno in gioco“. Se l’acquisto di Herta non sarà possibile, Horner ha messo in chiaro che Gasly resterà nella famiglia Red Bull: “Penso che Gasly stia facendo un buon lavoro all’interno di AlphaTauri. Quindi non credo che ci sarà il desiderio di cambiare se non ci fosse un’opzione interessante disponibile“.

ALPHATAURI SENZA HERTA: QUALI SONO GLI ALTRI CANDIDATI?

Se si dovesse comunque optare per una sostituzione di Gasly, la famiglia Red Bull avrebbe qualche altra scelta su cui puntare. Nel loro programma junior, un possibile candidato potrebbe essere Liam Lawson. Attualmente quinto in Formula 2 e a un passo dalla qualificazione per una superlicenza. Ma lo scorso sabato, a Zandvoort, Helmut Marko ha avuto un incontro con il papabile Campione del titolo, Felipe Drugovich. Il quale non è affiliato a nessun team di Formula 1, e così potrebbe facilmente entrare nel programma Red Bull. Tuttavia, intervistato da Autosport sulla questione Drugovich, Marko ha affermato: “Non stiamo parlando con lui“.

Alessia Verde

Di Napoli, classe 2002. Studentessa di Lettere Classiche all'Università Federico II. Innamorata follemente della Rossa. Con la Formula 1 è stato amore a prima vista, e nulla riesce a emozionarmi come fa lei. Ma ciò che mi emoziona di più è potervela raccontare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio