DichiarazioniFormula 1

Hamilton non ci sta e risponde: “È tempo di agire”

Il sette volte Campione del Mondo risponde alle parole pronunciate da Nelson Piquet nei suoi confronti

Lewis Hamilton alza la voce e risponde tramite il suo profilo sulla popolare piattaforma Twitter

Lo scorso novembre il tre volte Campione del Mondo Nelson Piquet si è espresso in un podcast riguardo le vicende inerenti il celeberrimo contatto tra il sette volte Campione del Mondo e Max Verstappen durante il Gran Premio di Silverstone dello scorso anno. Nel suddetto podcast, registrato qualche mese fa, il 69enne di Rio ha rivolto ad Hamilton delle frasi a dir poco discriminatorie e razziste. Solo oggi, però, sono trapelate queste informazioni e queste parole. Ma Hamilton non ci sta e risponde a Piquet senza farsi attendere.

Tramite la popolare piattaforma Twitter, Lewis Hamilton (che vanta ben 7.4 milioni di followers) ha prima re-twittato un messaggio di un utente che scriveva: “Immaginate se Lewis Hamilton avesse twittato ‘Chi cavolo è Nelson Piquet?’ ed avesse poi chiuso il suo profilo”, procedendo poi a rispondere ad esso con un sintetico e pungente: “Immaginate”. 

È tempo di agire

Se il primo tweet poteva sembrare una risposta indiretta alle dichiarazioni ed alle parole di Piquet, a distanza di una decina di minuti Hamilton ha scritto ancora sul suo profilo, questa volta direttamente in portoghese: “Concentriamoci sul cambiamento della mentalità”.

Infine, Hamilton ha twittato anche in inglese, per concludere: “Concentriamoci sul cambiamento della mentalità. Questo è più del semplice linguaggio. Queste mentalità arcaiche devono cambiare e non hanno posto nel nostro sport. Sono stato circondato e preso di mira da questi atteggiamenti per tutta la vita. C’è stato molto tempo imparare. Ora è davvero tempo di agire”. 

Non solo Hamilton ma anche Federation Internationale de l’Automobile, Mercedes AMG F1 e Formula 1 hanno postato sui propri profili social di Instagram e Twitter riguardo la presente vicenda. Non si sa ancora, però, se verranno presi provvedimenti inerenti a questo episodio a dir poco inaccettabile.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.