DichiarazioniFormula 1

Hamilton e quel cambio di ingegnere che ha favorito Bottas

Il britannico è convinto che il suo compagno di team abbia beneficiato di questo cambiamento avvenuto a inizio stagione

Hamilton ha commentato quello che secondo lui è stato un episodio che ha favorito l’inizio di stagione del finlandese della Mercedes: il suo ingegnere di pista è passato a Valtteri

Secondo il sei volte campione del mondo, Bottas avrebbe così avuto l’opportunità di conoscere preziosi segreti sulla sua tecnica di guida, traendo un importante vantaggio a inizio 2019.
Il finlandese ha firmato forse la sua migliore stagione da quando è in Formula 1. Si è piazzato secondo alle spalle dell’inglese, e questo cambiamento all’interno del box lo avrebbe notevolmente avvantaggiato, impensierendo la corsa al titolo del suo compagno di scuderia.

LEWIS FA COSÌ, PERCHÉ NON LO FAI ANCHE TU?” 

Il protagonista di questo episodio è il romagnolo Riccardo Musconi, nel 2018 ingegnere al fianco di Hamilton. L’italiano è stato un ottimo supporto per Lewis, che ha riconosciuto in lui un professionista molto preparato e talentuoso, dal quale ha appreso tantissimo: “E’ un ingegnere dalle grandi capacità e, naturalmente, vuole crescere” – ha detto l’inglese a GP Fans. “Nessuno vuole rimanere sempre nella stessa posizione e penso che, per gente come lui, sia un obiettivo importante diventare primo ingegnere“.

Come riporta soymotor.com, l’inglese ha parlato del momento del passaggio di Musconi dall’altra parte del garage delle Frecce d’Argento, con la certezza che questo sia stato di grande aiuto a Bottas. “Abbiamo imparato molto e, lavorando insieme, ho potuto fare cose che forse non avrei capito, o per le quali ci sarebbe voluto più tempo“.
Quindi, quando è andato dall’altra parte, senza dubbio avrà detto: ‘Valtteri, perché non fai queste cose? Lewis fa questo, perché non lo fai anche tu?’ ” – ha dichiarato il numero 44.

A CAUSA DI BOTTAS, UNA STAGIONE PIÙ IMPEGNATIVA DELLE ALTRE

Inizialmente, questo scambio sembrerebbe aver messo in difficoltà il pilota di Stevenage, che ha sottolineato che questa stagione è stata più impegnativa delle precedenti. “Quest’anno è stato ancora più impegnativo, perché pensavo costantemente a come invertire la situazione. Mi domandavo come potessi migliorare queste piccole cose ora che loro stavano facendo lo stesso, senza perdere in termini di prestazione” – ha affermato l’anglo-caraibico.

Lewis ha anche rivelato quali sono state le sue preoccupazioni e i suoi pensieri all’avvio del 2019. Ha fatto di necessità virtù e migliorato quei piccoli aspetti che gli hanno poi permesso di conquistare il sesto titolo iridato.
Mi dicevo: ‘Ora devo perfezionare tutto e fare un passo avanti’. Quando sei vicino al 100%, se colmi quell’1%, il divario diminuisce, quindi trovare un nuovo asso nella manica è molto difficile” – ha poi concluso Hamilton.

Pubblicità

Erika Mauri

Metà brianzola e metà romana, sono laureata in Lingue e attualmente studentessa magistrale di Linguistica applicata nella capitale; da sempre amo scrivere e lavorare con la lingua italiana in tutte le sue forme. Mi definisco una persona dinamica, intraprendente, coraggiosa e amante delle sfide, faccio della mia capacità organizzativa e del problem solving due delle mie qualità migliori, insieme alla facilità di collaborare con altri in gruppo e a un pizzico di anticonformismo. Amo viaggiare e sono appassionata di tecnologia, cinema, musica, lettura e, ovviamente, di Formula 1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button