DichiarazioniFormula 1

Hamilton commemora Floyd: “Anche io discriminato”

Il pilota Mercedes ha voluto mettere ancora di più in evidenza come le discriminazioni razziali siano una grossa piaga della società globale

Lewis Hamilton sposa in prima persona la causa contro le discriminazioni razziali. L’anglo-caraibico racconta su Instagram le sue terribili esperienze passate

Sono giorni di grande tensione negli Stati Uniti, dopo il cruento fatto che ha portato alla morte di George Floyd. L’insurrezione di americani e non è arrivata dopo l’ennesimo fatto di cronaca nera causato da un abuso di potere avuto dalla polizia statunitense mosso da odio razziale. A sostegno della causa, è intervenuto Lewis Hamilton, sempre molto sensibile a eventi riguardanti discriminazioni razziali. L’anglo-caraibico ha espresso il suo pensiero tramite le Instagram stories del suo profilo social.

“Ho letto ogni giorno per cercare di rimanere aggiornato su tutto ciò che è accaduto nella nostra lotta contro il razzismo. Ciò ha riportato tanti ricordi dolorosi della mia infanzia”  -​ ​ha scritto Hamilton, dichiarandosi colpito in prima persona .“Ricordi vividi delle sfide che ho dovuto affrontare da bambino. Sono sicuro che molti di voi che hanno subito il razzismo o una sorta di discriminazione hanno affrontato.”

“Ho parlato così poco delle mie esperienze personali perché mi è stato insegnato a tenerlo dentro, non mostrare debolezza, ucciderli con amore e batterli in pista. Ma quando è stato lontano dalla pista, sono stato vittima di bullismo, picchiato e l’unico modo per combattere questo era imparare a difendermi, quindi sono andato al karate. Gli effetti psicologici negativi non possono essere misurati.

“Questo è il motivo per cui guido come faccio, è molto più profondo di un semplice sport, sto ancora combattendo. Grazie a Dio avevo mio padre, una forte figura ‘nera’ a cui potevo guardare, che sapevo mi avrebbe capito e che sarebbe rimasto al mio fianco. Non tutti lo hanno, ma dobbiamo stare insieme a coloro che potrebbero non avere quell’eroe su cui appoggiarsi e proteggerli. Dobbiamo unirci!”

L’ANGLO-AMERICANO GRIDA: “NON MI ARRENDERO’ MAI”

“Mi chiedevo perché il 2020 sembrava così condannato sin dall’inizio, ma sto iniziando a credere che il 2020 possa essere solo l’anno più importante della nostra vita, dove possiamo finalmente iniziare a cambiare l’oppressione sistemica e sociale delle minoranze.”

“Vogliamo solo vivere, avere le stesse possibilità di istruzione, di vita e di non aver paura di camminare per strada, andare a scuola o entrare in un negozio qualunque esso sia. Lo meritiamo tanto quanto chiunque. L’uguaglianza è fondamentale per il nostro futuro, non possiamo smettere di combattere questa lotta, io per primo, non mi arrenderò mai! ”

 

Pubblicità

Samuele Fassino

Mi chiamo Samuele, ho 19 anni. Sono un grande appassionato di motori, specie di Formula 1 nella quale spero di lavorare un giorno. Oltre ai motori le mie passioni si estendono al calcio ed alla filosofia anche se, più in generale, mi piace tenermi informato su qualsiasi tema. Sono molto determinato e cerco sempre ottenere il massimo da ogni situazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button