Formula 1Gran Premio Stati Uniti

GP USA, penalità per Pérez: parte dalla pit-lane

Ad Austin, penalità per Sergio Pérez per non essersi fermato al controllo del peso, nel corso delle FP2 disputate ieri. Scatterà dalla pit-lane

Dopo l’ottimo exploit al GP Messico, per il pilota messicano, scatta la penalità. Domani partirà dalla pit-lane, per aver ignorato il controllo del peso dei commissari

GP USA, in salita per Sergio Pérez, che domani sarà costretto a scattare dalla pit-lane, per aver saltato il controllo del peso durante la seconda sessione di Prove Libere, disputata ieri, sul circuito di Austin.

In occasione della seconda sessione di Prove Libere del GP USA, il pilota messicano della Racing Point, rientrando in pit-lane, alle ore 16:32 locali, non si è fermato ai box dei commissari, nonostante la luce rossa all’ingresso che segnalava il suo numero #11. Anzi, ha proseguito e non appena è arrivato ai box del suo team, i meccanici hanno simulato un pit-stop, con cambio gomme, facendo scattare la prima comunicazione della messa sotto investigazione del pilota.

Il regolamento, inoltre, dice che se il team porta la monoposto sul ponte della pesa, dopo averci fatto delle operazioni, come un pit-stop, scatta la sanzione. Un episodio simile, era accaduta in questa stagione, in Azerbaijan con la Red Bull e Pierre Gasly.

DOPO UN’ATTENTA ANALISI, ARRIVA LA DECISIONE DEI COMMISSARI DI GARA

Così in tarda serata, è arrivata la decisione da parte dei commissari di gara, come si legge nel comunicato emesso: “I commissari hanno rivisto il video e parlato con il pilota della vettura #11 (ovvero Sergio Pérez), oltre ad un rappresentante del team, riscontrando una mancata fermata dopo la comunicazione con la luce rossa. Il pilota ha proseguito lungo la pit-lane, arrivando alla sua piazzola, effettuando un pit-stop con cambio di tutte e quattro le gomme, violando l’articolo 29.1 a. Secondo quanto riporta il Regolamento Sportivo della F1, i commissari non hanno avuto alternative e la penalità è stata applicata”.

Sergio Pérez, ha finito la seconda sessione di prove libere ottenendo la 15° posizione, davanti a Kimi Raikkonen. Per la Racing Point, l’obiettivo è quello di superare la Toro Rosso nella classifica costruttori. Dopo l’ottima prestazione, del pilota messicano, al GP Messico, chiaramente questa penalità, renderà il GP USA e l’impresa piuttosto in salita.

Topics
Pubblicità

Giorgia Meneghetti

Mi chiamo Giorgia, nata nel 1986, e residente a Fermo nelle Marche. Diplomata in Perito del Turismo, e con ottime conoscenze di lingue straniere: Inglese, Francese, Spagnolo. La Formula 1 è una delle mie più grandi passioni, che seguo dal 1998. Grazie ai suoi protagonisti, piloti, monoposto, team ne sono rimasta talmente stregata, tanto da spingermi a scrivere, raccontarla e viverla attivamente, sognando e sperando di poter un giorno incontrarli, e diventarne parte, e magari in un lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close