Formula 1Gran Premio Spagna

GP Spagna, FP3: Mercedes davanti, incidente per Ocon

Nella mattinata del sabato, Hamilton ha avuto la meglio sul compagno di squadra, entrambi però con il fiato sul collo di Max Verstappen

A poche ore dalle qualifiche spagnole, le due Mercedes hanno dato nuovamente prova della propria superiorità, insidiate solo da Verstappen e Sainz

Anche oggi, sul circuito del GP di Spagna, ad avere la meglio è stata l’alta temperatura. Per la prima ventina di minuti l’attività in pista è stata praticamente nulla, dato che le monoposto avevano bisogno di comprendere le reali temperature del circuito. Con 31° percepiti e 45° sull’asfalto, a primeggiare nella terza e ultima sessione di prove libere sono state nuovamente le due Mercedes, che hanno terminato le FP3 davanti a Max Verstappen. Lewis Hamilton è riuscito a registrare il tempo più veloce, chiudendo in 1’17″222. Dietro di lui, il crono di Valtteri Bottas si è fermato a 1’17″373, mentre quello del pilota olandese ha segnato un 1’17″737.

POCHI TENTATIVI E PROVA DI STRATEGIE

A livello di attività, tutti hanno svolto pochi giri, concentrandosi maggiormente sul test delle mescole. Nello specifico, già da queste FP3 è risultato evidente come le scuderie abbiano in mente strategie abbastanza diverse in vista di qualifiche e gara. Nello specifico, se Ferrari ha deciso di tenere un unico set di gomme gialle, Red Bull ha invece preferito scendere in pista con mescola rossa, tenendo quella gialla per le qualifiche dl pomeriggio.

Simile strategia anche per le due Frecce d’Argento. Un’accortezza questa che deriva dalle alte temperature registrate sul circuito di Montmelò. Il GP di Spagna, infatti, si appresta a essere uno dei più caldi di questo mondiale, almeno per quanto riguarda le tappe europee. Di conseguenza, la gestione delle mescole sarà fondamentale anche questo weekend. Nello specifico, a essere particolarmente problematica potrebbe essere la mescola rossa, oggi utilizzata da molti piloti durante le FP3.

SORPRESE POSITIVE E NEGATIVE SULLA PISTA DEL GP DI SPAGNA, MA MERCEDES SEMPRE AL TOP

La sorpresa di giornata è stata sicuramente la performance di Carlos Sainz. Lo spagnolo della McLaren, che monta sulla sua monoposto nuove componenti relative alla sua Power Unit, ha chiuso in quarta posizione a + 0.824 dal leader delle libere. Le monoposto di Woking hanno inoltre dimostrato di avere un ottimo ritmo soprattutto nel primo settore, dove entrambe hanno fatto registrare un crono fucsia.

Buone anche le prove libere di Pierre Gasly. Il pilota AlphaTauri ha dimostrato ancora una volta di avere del potenziale, chiudendo in settima posizione alle spalle di Charles Leclerc. Solo sedicesima, invece, l’altra vettura del team, che con Kvyat non sembra aver trovato il ritmo giusto. Tra l’altro, il tempo del pilota francese è l’ultimo a rimanere entro il secondo di distacco da Lewis Hamilton, con un + 0.989.

Sorprendente ma leggermente deludente, invece, la sessione delle Racing Point. L’intera FP3 è stata anonima per le due monoposto, che hanno battuto un colpo solo nella fase finale della mattinata. Ad aver risollevato l’animo della scuderia è stato il ritrovato Sergio Perez, che è riuscito a chiudere in quinta posizione con un tempo di 1’18″096. Ottava, invece, la vettura di Lance Stroll, distanziato dalla prima posizione di circa un secondo.

INCIDENTE PER OCON E BANDIERA ROSSA

Per la Renault non è stata sicuramente una giornata positiva. Apparse competitive nel corso delle prime due sessioni di prove libere, le FP3 sono state invece un po’ deludenti. Daniel Ricciardo è riuscito a piazzare la sua monoposto in decima posizione, poco prima che Esteban Ocon venisse coinvolto in un incidente che ha del particolare.

A pochi giri dalla fine della terza sessione di prove libere, il pilota della Renault ha sterzato violentemente a destra in curva 3, per evitare di tamponare la Haas di Kevin Magnussen. La dinamica dell’incidente non è ben chiara: dall’on board camera della Renault sembra che Ocon stesse guardando nello specchietto retrovisore, quando una volta girato lo sguardo ha trovato davanti a sé la vettura di Magnussen, che procedeva lentamente a centro pista. Per evitare l’impatto, Ocon è quindi stato costretto a sterzare, danneggiando pesantemente il muso della sua vettura.

La sessione si è quindi dovuta interrompere per permettere ai commissari del circuito di recuperare la monoposto incidentata. Nonostante i piloti abbiano dovuto rinunciare agli ultimi minuti delle FP3 del GP di Spagna, da questa ultima sessione di prove libere è risultato evidente l’allinearsi delle performance con gomma rossa. Questo fa ben sperare per una qualifica molto serrata ed emozionante. Nel frattempo, vi lasciamo con tutti i crono registrati nel corso della mattinata:

GP Spagna FP3
Credits: Twitter Formula 1

Pubblicità

Anna Vialetto

Anna è sinonimo di determinazione, concentrazione e curiosità. Ho sempre studiato e lavorato per rincorrere e realizzare i miei sogni, con l'obiettivo di concretizzarli in quella che è la mia più grande passione: l'automotive. La Formula 1 per me è parte integrante della mia personalità: il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo centimetro, la velocità delle monoposto. Ma soprattutto, tutto il mondo che sta dietro allo spettacolo in pista: l'organizzazione, la comunicazione, il marketing, l'energia...la stessa che, fin da quand'ero bambina, mi ha portata a coltivare questo grande amore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button