Formula 1Gran Premio Spagna

GP Spagna, FP2: Hamilton precede Sainz, ma occhio a Norris

Il riepilogo di quanto accaduto sul circuito di Catalogna a conclusione della seconda sessione di prove libere

Le FP2 del GP di Spagna hanno visto Hamilton in prima posizione, con Sainz alle sue spalle per millesimi, ma occhio a Norris: vediamo insieme cosa è accaduto

Sul circuito di Catalogna si sono disputate FP1 e FP2 nella giornata di oggi. Una prima sessione che ha visto una buona McLaren e una Ferrari a due facce, mentre Red Bull che ritorna a giocare a nascondino. Nella seconda sessione invece, fra giri veloci e long-run, abbiamo avuto modo di capirci di più: ecco un breve riepilogo delle FP2 del GP di Spagna.

La prima parte della sessione vede i piloti impegnati con gomma media dove Russell ferma il crono in 1:14:089, seguito da Norris a meno di un decimo. Terzo Hamilton. Il primo colpo dei due Ferrari vede Sainz e Leclerc in quinta e sesta posizione. Successivamente è tempo di gomma soft, con Hamilton che la mette davanti a tutti, ma a soli ventidue millesimi da Sainz. Il pilota spagnolo è alla ricerca di una buona prestazione nella sua gara di casa. Quinto Verstappen, mentre da segnalare sono i giri dei due Alpine, con Gasly quarto e nono Ocon: piccoli miraggi o solo evoluzione pista?

Un passo gara che si tinge d’arancio

Iniziano i long-run per i team, con Sainz costretto a rallentare a causa del traffico provocato da Alonso. Il #55 ha dunque deciso di prendere spazio e ricostruire il passo. Da quei pochi giri costanti, era nei tempi di Norris e Verstappen, sul 1’19″5 e 1’19″6. Lo spagnolo e l’inglese erano con gomma soft, mentre l’olandese con la media (poi sostituita con la soft). I tempi del trio sono poi saliti in ‘1’20”. Diversa la situazione lato box Leclerc, col monegasco rimasto dentro a causa di alcuni aggiustamenti (non è stato reso noto su che zone della SF23). A otto minuti dal termine, è ritornato in pista.

Non male Mercedes, che dopo un attacco alto, sono arrivati ad effettuare tempi in zona RedBull-McLaren-Ferrari. Il più costante di tutti con le gomme soft sembra essere Lando Norris. Anonima Aston Martin. Sul finire della sessione, si accendono McLaren e Red Bull, con il pilota #4, che addirittura ferma il tempo in 1:18:8. Sembrerebbe che il team inglese voglia stupire in questo weekend, e i presupposti per farlo ci sono tutti.

Valeria Caravella

La formula 1 è sempre stata una costante nella mia vita, sin da quando la guardavo a cavalcioni sulle gambe del mio papà. Ad oggi c'è la sto mettendo tutta per rendere la mia passione, il mio lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio