Formula 1Gran Premio Qatar

GP Qatar, Piastri: “Sono molto contento anche se è stata una gara molto stressante”

Una McLaren sulla cresta dell’onda con Piastri che vince la Sprint Race del GP del Qatar, mentre Norris è terzo

Sprint GP del Qatar: Piastri vince e Verstappen si proclama campione del mondo

Si conclude la Sprint Race del GP del Qatar. Le McLaren confermano ancora una volta le ottime prestazioni con Piastri che vince riuscendo a finire davanti a Max Verstappen. L’olandese si proclama campione del mondo per la terza volta, eguagliando così il numero di titoli della leggenda Ayrton Senna. L’assist gli viene dato da Perez che finisce sulla sabbia a causa di un errore di Ocon.

Piastri dimostra un talento sempre crescente e strappa la prima vittoria a Lando Norris. Un Norris un po’ amareggiato e che parte male, pur avendo le gomme medie. Sono molto contento, anche se è stata una gara molto stressante. Quando ho visto tutti quelli che sono partiti con le soft, e che erano velocissimi, ho pensato che fossimo nei guai. Le gomme poi sono calate abbastanza rapidamente ed è andata bene, ha detto l’australiano. In effetti, proprio le gomme soft sono crollate poco dopo, a differenza delle medie.

La Safety Car non è stata mia amica perché ha favorito il ritorno di Verstappen, ma il passo era buono ed era una gara in cui c’era tanto da gestire come le gomme e le mescole diverse”. Tutto quello che abbiamo imparato sarà importante anche per domani. Quando Max è passato al 2° posto ho pensato di essere nei guai, ma sono riuscito a gestire bene le gomme e la prima vittoria in una Sprint è una figata”, ha poi concluso il rookie.

 

 

 

Federica Incatasciato

Siciliana, classe '97, a Torino. Ho una laurea magistrale in Ingegneria Biomedica. Sono perfezionista fino al midollo e super scaramantica, cerco di sfruttare sempre il mio tempo in maniera proficua per imparare più cose possibili. Mi piace leggere e scrivere di politica, storia, letteratura e Formula 1. Fin dal liceo ho coltivato la mia passione per le auto da corsa e in particolare per la Formula 1. Essendo un'ingegnere, della Formula 1 mi affascina molto tutto il lavoro che c'è dietro a quelle monoposto, frutto di studio, strategia e collaborazione all'interno del team.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio