Formula 1Gran Premio Miami

GP Miami, FP1: Leclerc davanti a Russell

Il resoconto della prima sessione di prove libere del Gran Premio di Miami, quinto appuntamento del Mondiale 2022

Nelle FP1 del Gran Premio di Miami la migliore prestazione è andata a Charles Leclerc, davanti a George Russell e Max Verstappen

La Formula 1 battezza il nuovo circuito di Miami con la prima sessione di prove libere. Riscontri cronometrici ovviamente da prendere con le pinze, perchè i piloti si sono preoccupati soprattutto di prendere confidenza con un tracciato inedito e molto stretto. Particolare che potrebbe creare non poche insidie nel corso del weekend, quando si inizierà a fare sul serio.

A farla da padrone è stata comunque la Ferrari, con Leclerc a prendere la migliore prestazione. Il monegasco, tra l’altro, ha ufficializzato che guiderà in Florida con una nuova power unit, scelta analoga a quella fatta con Carlos ad Imola. La scelta è figlia della volontà di mettere a disposizione di Charles una potenza maggiore su un tracciato pieno di lunghi rettilinei. Nessun timore sull’affidabilità, che sembra essere un punto di forza per le vetture di Maranello.

Sessione incoraggiante per Mercedes, con Russell secondo e staccato di soli 71 millesimi. Il team di Toto Wolff si è presentato in Florida con aggiornamenti massicci che sembrano aver risolto i cronici problemi di porpoising. E’ vero che una rondine non fa primavera, ma forse dalle parti di Brackley hanno finalmente trovato la strada giusta.

SAINZ VELOCE, NONOSTANTE LA FORATURA

Terza e quarta posizione per la Red Bull, con Verstappen frenato prima dal traffico e poi da qualche problemino di affidabilità dovuto alle alte temperature. L’olandese, quando ha potuto spingere, si è subito mostrato in linea con i migliori e sarà senz’altro della partita.

FP1 agrodolce per Sainz, molto competitivo sui tempi (ha chiuso in P6, ma girando su gomma Media), ma protagonista di un brutto testacoda con cui ha rimediato una foratura. A proposito di errori, da segnalare quello di Valtteri Bottas, che è andato a picchiare la sua Alfa Romeo contro le barriere di curva-7, causando anche una bandiera rossa.

Sorpresa di giornata Alexander Albon, che ha portato la sua Williams in settima posizione. Presenti in top-10 anche Pierre Gasly con AlphaTauri (quinto), Magnussen con la Haas (nono) e Ricciardo in decima, appena davanti a Norris.

Danilo Tabbone

Mi chiamo Danilo, ho 20 anni, vengo dalla Sicilia e studio all'Università di Palermo. La Formula 1 è la mia più grande passione, la seguo da quando ero bambino, e le emozioni che mi suscita sono parte integrante della mia personalità. Dal 2020 scrivo per F1world.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.