Formula 1Gran Premio Italia

GP Italia: penalità in arrivo per Sainz?

Il madrileno della Ferrari potrebbe scontare proprio a Monza la penalità per avere nuovi componenti sulla sua power unit. Sarà la scelta giusta?

Penalità in vista per Sainz? Sembra proprio che il madrileno nella gara di casa della Ferrari possa partire nelle retrovie

Carlos Sainz potrebbe scattare nelle retrovie nel Gran Premio di casa per la Rossa per scontare una penalità. Non è uno degli scenari migliori, ma potrebbe essere il più adatto in termini di campionato. “Al momento la decisione di regalare a Sainz un nuovo propulsore a Monza non è stata presa. La prenderemo sulla base dell’analisi dei dati del Gran Premio d’Olanda“, ha detto il team principal Mattia Binotto ai microfoni di Soymotor.

Il nuovo propulsore garantisce una parte elettrica più leggera, consentendo un guadagno di poco più di due chili sulla vettura, che su alcuni circuiti possono rappresentare quasi un decimo di secondo. Charles Leclerc, lo ha già presentato in anteprima a Spa, ma era ovvio che Zandvoort, non fosse un circuito adatto dove perdere posizioni in griglia. Per questo motivo la Ferrari ha lasciato a Sainz la possibilità di ottenere la penalità e poter rimontare in un circuito migliore.

Perché proprio a Monza?

Tra i circuiti della seconda parte del campionato, quelli che presentano meno problemi per rimontare sono Spa, Austin e Monza. Quest’ultima potrebbe arrecare a Carlos Sainz più inconvenienti, data la mancanza di velocità massima della sua F1-75, ma i due appuntamenti che seguono il GP d’Italia, Singapore e Giappone, offrirebbero poche occasioni di sorpasso. Ciò costringerebbe la Ferrari a dover molto probabilmente far scattare in fondo alla griglia la vettura n°55, proprio questa domenica.

Mattia Binotto non sembra particolarmente preoccupato per il motore o perlomeno non è l’aspetto che in questo momento lo preoccupa di più. “Per tre gare non abbiamo avuto il ritmo necessario. Non abbiamo un buon equilibrio tra comportamento ad alta e bassa velocità”, ha detto il team principal della Ferrari. Difatti le mescole nuove vanno inizialmente a mascherarlo.

Ma in gara, una volta che l’effetto della “mescola nuova” scompare dopo pochi giri, questo squilibrio comincia ad affiorare enormemente e i numeri non mentono: solo due podi nelle ultime tre gare, un pessimo risultato per una squadra che a inizio stagione puntava al titolo sia Mondiale che Costruttori, disponendo di un grande vantaggio nei confronti dei suoi avversari.

Questo inconveniente per la Rossa è più preoccupante degli errori di strategia. Infatti Binotto sostiene: “Se non si ha ritmo non esiste una strategia valida. Bisogna vedere se il problema è la configurazione della vettura, gli sviluppi introdotti, l’interpretazione che diamo a questi sviluppi o la monoposto in sé“. La Ferrari arriva quindi a disputare la sua gara di casa con troppe incognite da colmare e con un Carlos Sainz forse chiamato a una grande rimonta. La Rossa deve cercare di aspirare a un grande risultato davanti ai suoi tifosi, stufi di vedere una squadra dimostratesi fragile nelle ultime gare e speranzosi di rivederla audace come inizio stagione.

Valeria Caravella

Valeria Caravella

La formula 1 è sempre stata una costante nella mia vita, sin da quando la guardavo a cavalcioni sulle gambe del mio papà. Ad oggi c'è la sto mettendo tutta per rendere la mia passione, il mio lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio