Formula 1Gran Premio Italia

GP Italia: l’ordine d’arrivo del Gran Premio di casa

A Monza l’ordine d’arrivo viene deciso dalla safety car e lascia con l’amaro in bocca

L’ordine d’arrivo del GP d’Italia viene deciso da una safety car che guida le monoposto fino  agli ultimi giri della gara. Sul podio Max Verstappen, Charles Leclerc e George Russell

Il GP d’Italia si è aperto con una griglia di partenza che si è fatta attendere per ben 5 ore dopo la fine delle qualifiche. Verstappen, qualificatosi secondo, scatta invece dalla settima posizione ma, grazie a una partenza stratosferica, si trova quarto dopo appena un giro e al quinto è già all’inseguimento di Leclerc.

Un irrefrenabile Carlos Sainz, partito dalla 18esima posizione, risale in pochi giri quasi tutta la griglia. Aiutato anche da Daniel Ricciardo, che dalla quarta posizione trattiene tutto il resto del gruppo dietro di sé, infila un sorpasso dietro l’altro e termina la gara al quarto posto dietro a George Russell. Avrebbe potuto lottare per il podio se non fosse stato per la safety car provocata dallo stesso Ricciardo.

La sfortuna continua a perseguitare la Ferrari: complice una virtual safety car provocata da Sebastian Vettel e terminata troppo presto, Leclerc entra ai box e lascia a Verstappen la leadership del Gran Premio. Sempre una safety car, quella provocata dalla McLaren, arrivata tardi e uscita nella posizione sbagliata, impedisce di competere durante gli ultimi giri e decide la vittoria di Max Verstappen.

Lewis Hamilton scala la classifica molto più lentamente di Sainz e, quasi inosservato, se non per un’incredibile serie di sorpassi sulle due McLaren e Pierre Gasly, si piazza quinto.

Le McLaren non eguagliano lo straordinario risultato dell’anno scorso. Dopo aver condotto quasi tutta la gara in zona punti, Ricciardo si schianta contro il muro e provoca un’altra safety car, che si protrae fino agli ultimi giri e non permette una vera lotta per il trofeo.

A chiudere la top ten l’Alfa Romeo di Zhou, che conclude dietro al giovane Nick De Vries, al suo debutto in Fomula 1. Campione di Formula E e Formula 2, sostituisce Alex Albon, impossibilitato a guidare dopo essersi sottoposto a un intervento di appendicite, e batte il più esperto compagno di squadra Nicholas Latifi.

L’ordine d’arrivo del GP d’Italia

Una gara attesa ed emozionante che si è conclusa con la delusione e la rabbia dei fans della Formula 1 nei confronti della Fia e della gestione gara, ancora una volta accusati di ambiguità nell’applicazione del regolamento.

Di seguito, l’ordine d’arrivo del GP d’Italia:

  1. Max Verstappen
  2. Charles Leclerc
  3. George Russell
  4. Carlos Sainz
  5. Lewis Hamilton
  6. Sergio Perez
  7. Lando Norris
  8. Pierre Gasly
  9. Nick De Vries
  10. Guanyu Zhou
  11. Esteban Ocon
  12. Mick Schumacher
  13. Valtteri Bottas
  14. Yuki Tsunoda
  15. Nicholas Latifi
  16. Kevin Magnussen
  17. Daniel Ricciardo – OUT
  18. Lance Stroll -OUT
  19. Fernando Alonso – OUT
  20. Sebastian Vettel – OUT

 

Silvia Gentile

Sono Silvia, vengo da Torino e sono laureata in Discipline della Arti, della Musica e dello Spettacolo. L'amore per la Formula 1 è nato solo qualche anno fa, in maniera improvvisa e inaspettata, ma da allora uno dei miei desideri è quello di raccontarne le vicende e i protagonisti a chiunque abbia voglia di ascoltare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio