Formula 1Gran Premio Gran Bretagna

GP Gran Bretagna, qualifiche: la dolce prima volta

Carlos Sainz conquista la sua prima pole in quel di Silverstone, strappandola con prepotenza a Verstappen e Leclerc

Un giorno che Sainz non dimenticherà mai. Lo spagnolo firma la sua prima pole position davanti a Verstappen e Leclerc

Qualifiche sul bagnato a Silverstone. I piloti scendono in pista sotto la pioggia con mescola intermedia. Sin da subito, con l’asfalto che va asciugandosi, la classifica continua a cambiare, in un gioco di forza tra Red Bull, Ferrari, Mercedes e, a tratti, McLaren.
Ma sono state le Frecce d’Argento a stupire di più nel corso del weekend: il team guidato da Toto Wolff ha infatti compiuto importanti passi in avanti, prendendosi la scena anche durante le sessioni di prove libere del venerdì e registrando tempi interessanti, soprattutto per il beniamino di casa Lewis Hamilton.

D’altronde, erano giorno che si discuteva della possibilità che qui gli otto volte iridati portassero notevoli aggiornamenti della W13, nella speranza di colmare quel preoccupante gap presente da inizio stagione.

Q1: grande sfida sul bagnato

Sessione di qualifica che inizia sotto il bagnato. Davanti agli occhi dei tifosi britannici, ritorna lo scontro ravvicinato tra Red Bull e Ferrari, con Mercedes che si infila tra i primi del gruppo.
Una lotta serratissima fin dai primi minuti, che lascia assaporare senza troppa immaginazione lo scontro finale, quella tra il campione del mondo olandese e l’aspirante al trono della Classe Regina, Charles Leclerc.
Al termine di questa sessione, è Verstappen a segnare il giro più veloce con 1’39”129. Alle sue spalle il monegasco.

Gli esclusi dal Q2: Albon, Magnussen, Vettel, Schumacher e Stroll. Disastro Aston Martin ancora una volta. Il quattro volte campione del mondo tedesco prende infatti la bandiera a scacchi per un secondo, senza dunque poter sfruttare l’ultimo giro lanciato, che avrebbe potuto salvarlo dall’eliminazione.

GP Gran Bretagna, qualifiche: un Q2 sorprendente con Latifi. Quanta acqua in pista!

I piloti ritornano in pista per il secondo taglio delle qualifiche e si lamentano via radio della mancanza di grip sull’asfalto. In effetti, osservando i tempi, si nota un peggioramento delle prestazioni di circa 4 secondi a giro. Non molla però la Red Bull, che si dimostra nuovamente in grandissima forma, firmando subito il crono migliore del gruppo. La pioggia rimane costante sul circuito, ma in alcuni punti del tracciato l’acqua abbondante rende assai ridotta l’aderenza degli pneumatici al suolo, peggiorando di fatto le condizioni di guida.

A cinque minuti dalla bandiera a scacchi, i due alfieri Mercedes rientrano ai box per montare un nuovo treno di intermedie. Ma ci sono dubbi che sia la scelta giusta: le condizioni del circuito non sembrano garantire la sicurezza di migliorare il tempo, e, in alcuni punti, costringerebbe persino i piloti a montare le full wet. Viste le condizioni, Russell e Hamilton rinunciano all’ultimo tentativo e rimangino ai box, sicuri del proprio secondo e quinto crono. Clamoroso Latifi: si classifica decimo ed entra di diritto in Q3.
A non superare il Q2, Gasly, Bottas, Tsunoda, Ricciardo e Ocon.

GP Gran Bretagna, qualifiche: tensione alle stelle. Ma cosa ha fatto Sainz?

Ultimi minuti al cardiopalma. I team avvisano i piloti dell’arrivo della pioggia, che potrebbe mischiare le carte in tavola. Una serie di tempi veloci inanellati in pista da Zhou e poi Alonso, che migliora il crono del cinese di ben 3 secondi. Testacoda spettacolare per Verstappen prima della curva 16. L’olandese perde il controllo della sua Red Bull e poi si rilancia per un super tempo, dopo un secondo errore causato da un’uscita di pista.
La lotta per la prima fila si fa serratissima, con Verstappen indiavolato che domina sul gruppo, a pochi decimi dal sette volte campione del mondo Hamilton, secondo. In terza posizione provvisoria, l’altro britannico Russell, che precede Norris.

Anche il ferrarista Sainz spinge al massimo per stare davanti, rischiando anche un fuori pista. Nel frattempo, Hamilton sfiora la pole per soli 27 millesimi! Anche Alonso ci spera, con un solo decimo di distacco dalla vetta. Ma Verstappen non molla nemmeno di un centimento e deve vedersela con i due piloti del Cavallino, che cercano di spodestare il numero uno di casa Red Bull, strappandogli per pochi decimi la pole.
Ultimo giro a disposizione per chi ha ancora sogni di gloria. Alonso gioca il jolly e, per pochissimi secondi, riesce a tagliare la linea del traguardo prima che la bandiera a scacchi cali su di lui. Altro ruggito Sainz, che si prende di forza la pole, persino davanti a Verstappen, che non riesce a fare meglio del secondo posto. Ci riprova anche Hamilton, che scende in quinta posizione; Russell solo ottavo. Ed è quindi incredibile pole per lo spagnolo Sainz, la prima in carriera, sullo storico circuito di Silverstone!

Di seguito, tutti i tempi delle qualifiche del GP di Gran Bretagna:

Erika Mauri

Metà brianzola e metà romana, ho una Laurea Triennale in Lingue Straniere e una Laurea Magistrale in Linguistica, entrambe conseguite nella Capitale; da sempre amo scrivere e lavorare con la lingua italiana in tutte le sue forme. Mi definisco una persona dinamica, intraprendente, coraggiosa e amante delle sfide, faccio della mia capacità organizzativa e del problem solving due delle mie qualità migliori, insieme alla facilità di collaborare con altri in gruppo e a un pizzico di anticonformismo. Amo viaggiare e sono appassionata di tecnologia, spazio, cinema, musica, lettura e, ovviamente, di Formula 1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.