Formula 1Gran Premio Francia

GP Francia: le conferenze dei top team

Con la gara di Le Castellet si entra ufficialmente nella seconda parte del Mondiale, andiamo a sentire le parole dei protagonisti

Le dichiarazioni dei top driver alla vigilia del GP di Francia, dodicesimo appuntamento del Mondiale 2022

Il circus si tuffa nella seconda parte del Mondiale, quella che assegnerà i due titoli iridati. La Ferrari arriva in Francia reduce da due vittorie, che ne hanno rilanciato le ambizioni, e vuole mantenere il trend. Non sarà facile però avere ragione di una Red Bull che su questo circuito ha vinto nella passata stagione con Verstappen. Tra i due litiganti potrebbe però inserirsi il terzo incomodo. Mercedes sta migliorando, viene da tre podi, e sulla carta il Paul Ricard sembra adattarsi piuttosto bene alle caratteristiche della W13. Vedremo quindi un Hamilton capace di inserirsi nella lotta per la vittoria?

Per Leclerc quello in Francia somiglia tanto ad un GP di casa: “Ho iniziato a correre con i kart su una pista non lontano da qui. Ma a Le Castellet non sono venuto spesso prima di arrivare in F1. Quella in Austria per noi è stata una gara importante. Dopo un periodo difficile abbiamo vinto e recuperato qualche punto. Vediamo come andrà qui, dove negli ultimi anni è stato difficile anche a livello di gestione gomme

Al Red Bull Ring è stato preponderante il discorso sui track limits, con diversi piloti che hanno dovuto scontare una penalità: “Lo scorso anno usavamo il cordolo come riferimento per il track limits. Con la linea bianca, invece, siamo così bassi che spesso non ci rendiamo conto di uscire, visto che parliamo di pochi centimetri. Ovviamente cerchiamo di andare il più veloce possibile, a volte può capitare di sbagliare, ma fa parte del gioco. E’ così per tutti e dobbiamo accettarlo”, ha concluso il ferrarista.

HAMILTON FESTEGGIA I 300 GP

E’ invece il week-end del riscatto per Sergio Perez, che viene da due ritiri nelle ultime tre gare. “Dopo gli ultimi risultati, qui sarà cruciale avere una gara pulita. Voglio cercare di rimettermi in carreggiata prima della pausa estiva. Sappiamo che la Ferrari è stata molto forte sul passo gara, soprattutto in Austria, e anche Mercedes si sta avvicinando. Sarà una grande battaglia”

Ricorrenza speciale per Lewis Hamilton, che qui al Paul Ricard celebra il GP numero 300 di una carriera straordinaria. Il britannico della Mercedes viene da tre podi consecutivi e si dice ottimista sui progressi della W13. Penso che prima o poi arriveremo a lottare con chi ci sta davanti. Rispetto a dove eravamo partiti abbiamo già fatto diversi passi avanti. Non siamo partiti bene, ma nessuno ha mai mollato e abbiamo trovato costanza. Ovviamente non è la stagione che avremmo voluto vivere, ma l’esperienza ci aiuterà per il futuro”.

Danilo Tabbone

Mi chiamo Danilo, ho 20 anni, vengo dalla Sicilia e studio all'Università di Palermo. La Formula 1 è la mia più grande passione, la seguo da quando ero bambino, e le emozioni che mi suscita sono parte integrante della mia personalità. Dal 2020 scrivo per F1world.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio