DichiarazioniFormula 1Gran Premio 70° Anniversario

GP F1 70, Hulkenberg: “Un grande sorriso sul mio volto”

Il tedesco scatterà dalla seconda fila, dopo aver piazzato la sua monoposto in terza posizione, subito alle spalle di Lewis Hamilton

Hulkenberg si è riscattato dopo lo scorso fine settimana, piazzando la sua monoposto in terza posizione nel Gran Premio numero 70 della Formula 1, subito alle spalle del campione del mondo in carica

Sono molto sorpreso di essere qui”. Con queste parole, rilasciate ai microfoni di Paul di Resta, Nico Hulkenberg ha descritto la strana sensazione di essersi qualificato in terza posizione nel 70° GP della Formula 1. Lo scorso weekend non era certo stato positivo per lui, dopo il tredicesimo posto in qualifica e i problemi alla Power Unit che gli hanno impedito di scendere in pista. Questo sabato, invece, il tedesco si è fatto valere e domani scatterà dalla seconda fila.

Come lui stesso ha dichiarato, gli ultimi dieci giorni sono stati una montagna russa continua per Hulkenberg. Se da un lato non si aspettava d tornare in Formula 1 così presto, dall’altro probabilmente non si aspettava di salire sul podio delle qualifiche al suo secondo rientro nel Circus. Selezionato praticamente all’ultimo minuto, per il tedesco il tempo di adattarsi alla monoposto è stato veramente molto poco, tant’è che questo potrebbe rappresentare una difficoltà in vista della gara di domani.

UNA SENSAZIONE SPECIALE

Due settimane davvero pazzesche, o sette, dieci giorni, ho perso il conto. La settimana scorsa ho raggiunto un picco molto alto e poi sono stato proiettato verso il basso, è stato molto brutto. Sono stato un po’ tra due estremi. Questa settimana ho avuto più tempo per prepararmi”.

Un Nico Hulkenberg un po’ sorpreso, ma sicuramente molto soddisfatto di come sono andate queste seconde qualifiche. Una sessione non semplice, dato il forte vento presente in pista, ma durante le quali il tedesco ha dato il cento per cento, forse anche per via delle conversazioni avute con qualche team in merito a un sedile nel 2021.

Le qualifiche sono state un po’ complicate, perché nelle Q2 ho fatto un errore, ho quasi avuto paura di aver danneggiato la macchina. Ma poi nel Q3 ho spinto alla grande. Sono un po’ sorpreso di essere qui, ma naturalmente ho un grande sorriso sul mio volto. Però dobbiamo aspettare la gara di domani”.

FOCUS SULLA GARA… CON UN OCCHIO AL FUTURO

Interrogato su cosa potrebbe ostacolarlo durante la gara di domani, Hulkenberg ha ammesso di essere un po’ preoccupato con il feeling della monoposto. Pur avendo avuto del tempo in più per prepararsi, il tedesco è convinto che sicuramente domani avrà dei dolori al collo per non essere ancora pienamente a suo agio con la vettura e con la configurazione della pista.

Sicuramente il collo mi farà male domani, non avendo l’esperienza della settimana scorsa. Non ho potuto riprendere un po’ i movimenti, provare la partenza, anche perché è tutto nuovo con questa macchina. Però vedremo quello che possiamo fare, cercherò di imparare in fretta e di mantenere questa monoposto nelle posizioni che merita”.

Al di là della performance di qualifica, a Hulkenberg è stato chiesto anche di esprimere una propria opinione in merito a un suo possibile ritorno in Formula 1. Lui stesso, nei giorni scorsi, aveva ammesso di aver avuto dei contatti con alcuni team all’interno del Circus, ma di non aver ancora avuto informazioni certe sul suo futuro.

È ancora un po’ presto per parlarne. Ora voglio pensare a domenica. Sicuramente per me questo è un momento molto speciale, ma non è ancora tempo di esultare. Domani sarà una giornata molto importante, vedremo cosa riusciremo a fare”.

Pubblicità

Anna Vialetto

Anna è sinonimo di determinazione, concentrazione e curiosità. Ho sempre studiato e lavorato per rincorrere e realizzare i miei sogni, con l'obiettivo di concretizzarli in quella che è la mia più grande passione: l'automotive. La Formula 1 per me è parte integrante della mia personalità: il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo centimetro, la velocità delle monoposto. Ma soprattutto, tutto il mondo che sta dietro allo spettacolo in pista: l'organizzazione, la comunicazione, il marketing, l'energia...la stessa che, fin da quand'ero bambina, mi ha portata a coltivare questo grande amore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button