Formula 1Gran Premio Canada

GP Canada, qualifiche: prima pole a Montréal per Verstappen

Le qualifiche bagnate andate in scena quest’oggi hanno regalato grandi sorprese. A partire in prima fila affianco dell’olandese ci sarà infatti Fernando Alonso, terzo Carlos Sainz

Ad uscirne alla grande dalle difficile e piovose qualifiche del GP del Canada è stato Max Verstappen, che è stato capace di assicurarsi la partenza dal palo per la gara di domani

La pioggia promessa per la giornata di sabato è arrivata. Ed a Montréal le qualifiche del GP del Canada si sono corse sotto l’acqua, come era stato anche per la terza ed ultima ora dedicata alle prove libere. Le condizioni estremamente difficili hanno reso più entusiasmante e imprevedibile una sessione che ha dato la possibilità ad un leone di fare il colpaccio.

La prima notizia da dare è che domenica Charles Leclerc e Yuki Tsunoda partiranno dal fondo della griglia. Il motivo è che entrambi in questo fine settimana smarcheranno la quarta unità di potenza, andando di conseguenza in penalità. Ciononostante entrambi hanno preso parte (parzialmente) alle qualifiche.

Q1, MALE LE ASTON MARTIN

Data la situazione le vetture sono scese in pista usando la gomma da bagnato. La scelta per la maggior parte delle squadre è stata quella di girare il più possibile nei primi diciotto minuti per aiutare i piloti a prendere confidenza. Come suo solito, in queste circostante più si gira e meglio è. La brutta sorpresa è stata l’Aston Martin, che con Vettel ha ribaltato quanto notato invece in FP3. Tant’é che il quattro volte campione del mondo in radio si è aperto dicendo: “Non c’era grip. Completamente differente rispetto a questa mattina”. Fuori dal Q2: Gasly, Vettel, Stroll, Latifi, Tsunoda.

Q2, PEREZ A MURO

Da questa parte in avanti il monegasco non è più sceso in pista. Alcuni sono scesi subito in pista ancora con la full wet per un tentativo più “sicuro”, altri invece con l’intermedia preferendo prendersi dei rischi. Nella Q2 Perez ha causato la sorpresa di giornata con la prima bandiera rossa, dopo essere arrivato lungo in curva 10 baciando ed incastrandosi fra le barriere di protezione. A nulla sono serviti i tentativi del messicano si mettere la retromarcia, che si è dovuto arrendere lasciando la qualifica anzitempo.

Poco prima era stato Albon a toccare le barrire obbligando i commissari ad esporre la bandiera gialla Al contrario del pilota della Red Bull, il thailandese è stato in grado di tornare ai box. Out dai giochi anche Norris per un problema al motore. Alla ripresa tutti hanno preferito l’intermedia, constatando che nel mentre il tracciato si sta asciugando con già qualche chiazza asciutta. Fuori dal Q3: Bottas, Albon, Perez, Norris, Leclerc.

Q3, LA ZAMPATA DEL LEONE

Ancora una volta si è preferita la gomma intermedia cercando di fare più giri nel primo run. Allo stesso modo, anche nel secondo sforzo si è optato per una nuova intermedia, a tentare invece con la soft è stato Russell. Tuttavia per l’inglese lo sforzo non ha pagato. A fare la pole position è stato Max Verstappen, ma la vera zampata l’ha data Alonso che nel suo ultimo tentativo è riuscito a piazzare l’Alpine in seconda posizione. Terzo Sainz. Chiudono la Top 10: Hamilton, Magnussen, Schumacher, Ocon, Russell, Ricciardo, Zhou.

Silvia Quaresima

Il mio amore per la Formula 1 é sempre stato lì con me, fin da quando ho ricordo delle vittorie di Michael in rosso. Ma con il tempo è cresciuto così tanto che ora c’è voglia di esserne parte e di raccontarla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.