Gran Premio CanadaPirelli Press Area

GP Canada Formula 1 2016: previste numerose strategie secondo Pirelli

Dopo due settimane soltanto dal loro debutto a Monaco, i nuovi pneumatici Pirelli P Zero Purple ultrasoft ritornano in Canada, insieme ai P Zero soft e P Zero supersoft. Ma il Canada presenterà sfide differenti rispetto a Monaco, con velocità e carichi più elevati che generano maggior calore e scaricano più energia sui pneumatici.

Il circuito dal punto di vista dei pneumatici:
– Come Monaco, quello del Canada è un circuito con basso grip e una notevole evoluzione dell’asfalto durante il weekend.
– Le monoposto superano i 300 km/h, per cui tendono a girare con assetto da basso carico.
– La pista è nota anche per i cordoli alti, una sfida importante per i pneumatici.
– Le condizioni meteo sono variabili: un fattore che in passato ha portato a molte safety car.
– I punti chiave del Canada sono accelerazione e frenata: forze longitudinali più che laterali.
– Montreal è un tracciato semi-permanente, quindi la superficie, e il grip, possono variare durante il giro.

Le tre mescole nominate:
– Yellow soft: la mescola più dura nella scelta, destinata a giocare un ruolo importante in gara.
– Red supersoft: cosa interessante, due team non l’hanno scelta affatto.
– Purple ultrasoft: molto popolare nel suo debutto a Monaco e molto scelta anche in Canada.

Così un anno fa:
– Vincitore: Hamilton (una sosta: partito sulle supersoft, passato alle soft nel giro 32 dei 70).
– Miglior piazzamento con strategia alternativa: Raikkonen, quarto su due soste. Ha iniziato e finito la gara con le supersoft, con stint centrale con le soft.
– I primi tre hanno scelto tutti una strategia di una sosta, fermandosi a tre giri uno dall’altro.

pirelli_mescole_f1_gp_canadaLa parola al direttore motorsport Pirelli, Paul Hembery:
In Canada c’è la possibilità di avere condizioni meteo variabili, come a Monaco, e questo potrebbe portare a una gara molto complessa, come spesso accaduto in passato.
Le mescole che abbiamo nominato aprono alle strategie, su un circuito in cui è anche possibile superare in pista. Le ultrasoft hanno detto la loro nella prima apparizione a Monaco, ma quello del Canada è un tipo di circuito molto diverso, più impegnativo per i pneumatici. Questo potrebbe portare a numerose strategie differenti, come evidenziato dalle scelte di pneumatici fatte da ciascun team prima della gara
”.

Quali novità vedremo:
– A Monaco sono stati presentati i nuovi e più grandi pneumatici Pirelli F1 2017, che sono stati molto apprezzati.
– Per il prossimo anno è previsto un nuovo complesso box e paddock, quindi questa sarà l’ultima volta in cui vedremo il ‘tradizionale’ paddock di Montreal, ristretto ma ricco di atmosfera.

Altre curiosità:
Per il Canada ci sono state scelte di pneumatici molto varie, con Renault e Haas che non hanno voluto le supersoft. Mercedes, Ferrari e Red Bull hanno fatto scelte leggermente diverse tra loro.

La scelta delle mescole finora:

Purple Red Yellow White Orange
Australia Supersoft Soft Medium
Bahrain Supersoft Soft Medium
Cina Supersoft Soft Medium
Russia Supersoft Soft Medium
Spagna Soft Medium Hard
Monaco Ultrasoft Supersoft Soft
Canada Ultrasoft Supersoft Soft
Azerbaijan Supersoft Soft Medium
Austria Ultrasoft Supersoft Soft
Gran Bretagna  Soft Medium Hard
Ungheria Supersoft  Soft Medium
Singapore Ultrasoft Supersoft  Soft

 

Pirelli Press Area

Tutte le news dal punto di vista Pirelli, con le statistiche e le infografiche dei circuiti e i comportamenti dei pneumatici gara per gara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button