DichiarazioniFormula 1Gran Premio Belgio

GP Belgio 2019, Vettel: “Buona la prima fila, ma peccato per il traffico”

Il tedesco della Ferrari lamenta l’eccessivo traffico che avrebbe pregiudicato il suo giro. Sono però ben 8 i decimi di ritardo da Leclerc

Leclerc imprendibile

Nella giornata nera dell’automobilismo, funestata dalla morte di Anthoine Hubert dopo un terribile incidente all’Eau Rouge in Formula 2, la Ferrari ha monopolizzato la prima fila, anche se questo dato passa in secondo piano. Leclerc ha segnato il crono di riferimento, mentre Vettel è uscito di nuovo piegato dal compagno di squadra nel confronto in qualifica. A un anno dal suo ultimo successo – proprio qui a Spa il 26 agosto del 2018 – Vettel si candida alla vittoria per domani, partendo dalla stessa casella (la seconda) dalla quale vinse l’ultima edizione del GP belga. Ma il distacco da Leclerc, che ha sfiorato gli otto decimi, suona come una dura sferzata sulla performance del tedesco espressa oggi.

Traffico colpevole

Vettel ha puntato il dito contro il traffico anomalo creatosi in Q3, che ha creato alcune situazioni convulse, con Hamilton che ha rischiato di tamponare Bottas nell’out lap e il finlandese che ha rischiato lo stesso nei confronti di Hulkenberg. “Partire dalla prima fila è positivo – ha detto il tedesco – ma il traffico ha compromesso la mia performance. Però non voglio cercare scuse: resto focalizzato sulla gara di domani per cercare di invertire la tendenza”.

L’insidia maggiore potrebbe derivare dalla Mercedes, che ha sfoderato un passo gara superiore rispetto alle Rosse. Ma per domani c’è anche in gioco l’incognita meteo: dovessero avverarsi le previsioni, che parlano di un brusco abbassamento della temperatura, la SF90 dovrebbe uscire avvantaggiata. Lo ha sottolineato lo stesso Vettel: “La temperatura dovrebbe calare durante la notte e questo dovrebbe avere dei risvolti positivi per la competitività della nostra macchina. Sono fiducioso: oggi andavamo meglio rispetto a ieri e speriamo di continuare su questo passo”.

 

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio