Formula 1

GP Belgio 2014, Lewis Hamilton e Nico Rosberg: la rivalità si trasforma in odio

lewis-hamilton-rosberg-mi-ha-speronato-volontariamente

Quando c’è di mezzo il titolo mondiale nessuno vuole perdere neanche un  punto nella lotta più importante dell’anno. Quest’anno sembra che uno dei due contendetti stia incamerando meno punti di quanto possa fare visto che tra sfortuna e lotte interne il suo compagno di squadra sta lentamente agguantando il titolo. Stiamo parlando di Lewis Hamilton che dopo la gara di oggi sembra aver rotto ogni legame con Nico Rosberg e forse anche con la squadra. Il malinteso di oggi pomeriggio non è andato giù ne alla squadra che al pilota inglese e per questo dopo la corsa si è fatto immediatamente un briefing per valutare la questione. Dopo l’incontro il britannico ha raccontato ai giornalisti cosa si è detto e livido di rabbia, dietro ai suoi occhiali neri per non farla trasparire ha raccontato il contenuto della riunione alla stampa:

«Dopo la gara abbiamo parlato sull’episodio al secondo giro e Rosberg ha ammesso di avermi speronato volontariamente. Ha anche detto che poteva evitare quel contatto ma che non l’ha fatto per guadagnare qualche punto. Se volete delle conferme potete andare a chiedere anche a Paddy e Toto. Sono rimasto scioccato e per questo vorrei parlare con Nico sull’accaduto – ha continuato analizzando il momento dello scontro – Subito non mi sono reso conto di quello che era successo, visto che avevo sentito solo un forte botto. Sono arrabbiato perchè gli avevo lasciato spazio e lui mi ha chiuso; ma sicuramente ora sarà contento per quello che ha fatto». 

Dopo aver ripreso la calma e la razionalità Lewis si è dispiaciuto anche per la gara visto che se fosse andato tutto in modo ottimale si sarebbero potuti prendere molti più punti: «Con questo scontro si è distrutto un lavoro durato per parecchie settimane. Sono deluso per tutta la mia squadra. L’anno che stiamo vivendo non è felice per nessuno della squadra, perchè lo stiamo vivendo con molta ansia. Tutto questo ha gravato fortemente sul team perchè eravamo capaci di poter far facilmente un’altra doppietta. – successivamente passa la lente d’ingrandimento sulla proposta agli ingegneri di potersi ritirare dalla gara –  Non ho chiesto di ritirarmi per paura di perdere una battaglia davanti agli occhi di tutti, ma perchè avevo perso almeno 40-50 punti di carico aerodinamico. In quelle condizioni non riuscivo nemmeno a prendere Grosjean che guida una vettura molto più lenta della mia. Se fosse subentrata la Safety Car non sarebbe cambiato nulla perchè dopo che il gruppo si sarebbe compattato non sarei riuscito a superare nessuno. E comunque la ragione principale del perchè mi volevo ritirare era per risparmiare il motore, visto che non c’era alcun senso correre se non avrei potuto prendere neanche un punto»

lewis-hamilton-e-nico-rosberg-la-rivalità-si-trasforma-in-odio 2

Dopo le dichiarazioni di Hamilton arrivano quelle di Rosberg che alle domande fatte sul podio si è difeso ma non in modo così spietato come fatto dal suo compagno di squadra: «Sinceramente preferisco non commentare,siamo ancora nell’occhio del ciclone prima di esprimermi sull’argomento voglio prima riguardarmi l’episodio in televisione. Certamente dal punto di vista del team è stato molto deludente. Avremmo potuto fare un risultato migliore in questo gran premio perchè abbiamo avuto, per tutto il weekwnd un’ottima monoposto. Toto Wolf ha detto che ho forzato il sorpasso, ma non è vero perchè avevo più velocità e lo potevo superare facilmente. – Il commento passa poi sull’enormità di fischi che gli sono caduti durante la premiazione – Per i fan inglesi mi son comportato male, ma rispetto la loro opinione.  In ultima battuta chiedo che prima di esprimere un’opinione si ragioni su quello che si deve dire e sulle prove che si hanno, perché il fatto non è stato neanche investigato dalla FIA come un contatto».

 

Redazione

News in tempo reale, classifiche aggiornate, foto e video delle gare, F1 live, piloti, team, Gran Premi in diretta web, e curiosità dal grande mondo della Formula 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.