Formula 1Gran Premio Azerbaijan

GP Azerbaijan, FP1: Verstappen leader davanti le due Ferrari

Max Verstappen ha chiuso in testa le FP1 del GP dell’Azerbaijan davanti i due piloti della Ferrari Charles Leclerc e Carlos Sainz secondo e terzo

Max Verstappen con la Red Bull ha chiuso in cima al monitor dei tempi le FP1 del GP dell’Azerbaijan con il tempo di 1:43.184 davanti le due Ferrari

Durante le FP1 del GP dell’Azerbaijan la Ferrari ha dimostrato dopo Monaco di esserci ancora con Charles Leclerc e Carlos Sainz che si sono posizionati rispettivamente in seconda e in terza posizione alle spalle del leader olandese, ma da sottolineare c’è la differenza di mescola utilizzata per far segnare il giro veloce. Difatti il monegasco della Rossa è stato più lento di 0.043s della Red Bull girando però su gomma hard, a differenza di Max e del compagno di squadra a oltre tre decimi su soft.

Sergio Perez è presente ma ancora non convince mantenendo un gap in pista nei confronti del compagno di squadra di quasi mezzo secondo posizionandosi in quarta posizione, precedendo Daniel Ricciardo che porta all’interno della top-10 della prima sessione di Baku l’unica McLaren, seguito da Pierre Gasly e dalla prima Mercedes di Lewis Hamilton che ha avuto qualche difficoltà di guida terminando in P7.

Lando Norris per l’ennesima volta è all’interno dei primi dieci in una sessione ma convince meno a causa di un gap di tre decimi dal compagno che fino a Monaco ha dimostrato di non avere un ottimo feeling con la monoposto, mentre l’Alpine che ha portato un nuovo pacchetto aerodinamico si posiziona in nona posizione con Fernando Alonso che precede la seconda Mercedes di Valtteri Bottas

GLI EPISODI

Il primo episodio da segnalare della sessione di 60 minuti è un’uscita di pista del rookie Yuki Tsunoda, alla sua prima presenza in assoluto sul circuito cittadino di Baku che porta la sua AlphaTauri nella via di fuga di Curva 4, bloccandosi per diversi minuti a mezzora dal termine della sessione dopo aver avuto difficoltà di manovra dettate molto probabilmente dall’inesperienza.

Ma nonostante l’esperienza anche il sette volte campione del mondo Lewis Hamilton commette il medesimo errore andando però largo in Curva 15, così come Lando Norris che nel suo giro veloce dopo aver fatto registrare il record parziale nei primi due settori tocca un cordolo e perde il posteriore andando in testacoda senza subire danni in ultima curva. Nel finale di sessione invece, Nikita Mazepin porta la sua Haas contro le barriere in Curva 16 però senza danni evidenti alla sua monoposto, difatti riesce a riportare l’auto ai box con tranquillità.

CLASSIFICA

Ruggiero Dambra

Mi chiamo Ruggiero e sono un ragazzo pugliese di 24 anni, studente di giurisprudenza (presso l'Università degli Studi di Bari) e appassionato di Formula 1 fin da bambino. La mia "carriera" come editore inizia nel 2013 con la creazione di un piccolo blog dedicato inizialmente alla cronaca, per poi passare ad occuparmi interamente di motorsport. In seguito ho scritto per diversi siti riguardanti la F1, fino ad iniziare la mia avventura con F1world nel settembre 2018. Accreditato dalla Federazione Internazionale dell'Automobilismo (FIA) potrete vedermi qualche volta in giro nel paddock. Quando mi chiedono chi vincerà il mondiale secondo me, io rispondo: "Il migliore".

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.