Formula 1Gran Premio Australia

GP Australia, Verstappen vuole la rivincita: “Salirò su un gradino diverso”

A Melbourne l’olandese scatterà dalla pole position per la prima volta in carriera: ora si punta tutto alla vittoria

Ventiduesima pole position per Max Verstappen, la prima in Australia: un weekend più complicato del solito, ma l’olandese la spunta comunque

Non sembrava più così scontato, ma alla fine il due volte campione del mondo reclama a gran voce il proprio posto. Max Verstappen conquista per la prima volta la pole position in Australia, e abbassa il record della pista di 1.1 secondo. Non un risultato tanto prevedibile, a causa dei problemi che hanno costretto il suo compagno di squadra ad abbandonare il Q1 a pochi minuti dall’inizio.


Una Red Bull, quella in Australia, che in effetti sembra avere più problemi a riscaldare gli pneumatici. Ma al termine del Q3 Verstappen riesce comunque a mettersi davanti al gruppo.  “L’ultimo tentativo è stato molto buono.” afferma post qualifica. “Per tutto il weekend è stato difficile portare le gomme nella giusta finestra, che permettesse di spingere subito. Ma ha funzionato nel Q3. Sono molto contento del giro e di essere in pole position. Non vedo l’ora sia domani“.

Quando gli è stato chiesto dei problemi di cui lamentava in radio, relativi a batteria e scalo marce, Verstappen è stato di poche parole: “L’affidabilità sarà un problema? Normalmente no, ma cerchiamo sempre di ottimizzare e continueremo a farlo“. Verstappen non ha dubbi: forte di questa pole position, è pronto a prendersi la rivincita e a conquistare per la prima volta la vittoria in Australia. “La chiave sarà tenere in vita le gomme e gestirle bene. Sono salito sul podio una volta, ma stavolta voglio salire su un gradino diverso.” conclude l’olandese.

Alessia Verde

Di Napoli, classe 2002. Studentessa di Lettere Classiche all'Università Federico II. Innamorata follemente della Rossa. Con la Formula 1 è stato amore a prima vista, e nulla riesce a emozionarmi come fa lei. Ma ciò che mi emoziona di più è potervela raccontare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio