2018Gran Premio Spagna

Formula 1 | Wurz: “Essere consapevoli della crisi è un’opportunità per lavorare al meglio insieme”

L’ex pilota di Formula 1 ha dichiarato a nome del team Williams che la scuderia è consapevole del periodo critico attuale e che sta cercando di sfruttare l’occasione per lavorare insieme e risolvere il problema quanto prima

Topics

Che in Williams ci sia aria di crisi sembra ormai essere un dato di fatto: ciò che risulta meno chiaro sono le cause di questo momento buio che la scuderia sta attraversando. Durante le qualifiche del Gran Premio di Spagna, infatti, Lance Stroll e Sergey Sirotkin sono risultati essere i piloti più lenti in pista, sottolineando le difficoltà incontrate dal team.

Secondo l’ex pilota di Formula 1 e attualmente team consultant in Williams, Alex Wurz, si tratterebbe di un problema di carico aerodinamico che andrebbe a influenzare il diffusore, un problema che fin dall’anno scorso rende difficili le performance della scuderia.

“Perdiamo troppo grip e quindi il pilota non ha alcuna fiducia nella monoposto. Questo è il nostro problema. Identificare il problema è solo il 10% del lavoro. Correggerlo e implementare una soluzione è la vera sfida”.

Come riportato anche da Motorsport.com, secondo Wurz si tratta di un problema trascurato da parte del team, una difficoltà che la Williams si porta dietro dalla stagione 2017: potrebbe trattarsi di un problema relativo al software o alla simulazione, ma comunque qualcosa di fondamentale che compromette pesantemente le performance delle vetture.

“E’ una cosa molto positiva, per il team, essere consapevoli del problema, sapere che il tempo sul giro sta crollando in maniera quasi catastrofica, ma che ognuno sta cercando di dare il meglio per procedere nella stessa direzione. Questa crisi è un’opportunità per tutti noi di raggiungere un denominatore comune, un’opportunità per essere aperti l’uno con l’altro in modo da poter andare avanti”.

Nonostante le indubbie difficoltà, secondo Wurz la stagione 2018 seppur appena iniziata non deve essere vanificata e cancellata da parte della scuderia: ciò che teme, tuttavia, è l’idea che un cambiamento effettivo sia ancora distante dall’essere realizzato.

Tuttavia, sembra che l’umore tra i piloti sia abbastanza positivo e che entrambi siano pronti a dare il 100% in pista in modo da portare a casa qualche punto; lo stesso Sirotkin ha dichiarato di voler dare il meglio, se non altro per se stesso e per la propria monoposto, e di voler essere il più audace possibile durante la gara di Spagna.

Topics
Continua la lettura

Anna Vialetto

Mi chiamo Anna, ho 24 anni, laureata in Comunicazione e attualmente studentessa in Web Marketing & Digital Communication. Sono una ragazza determinata e testarda, con la passione per lo scrivere, i libri e gli anime. Nonostante le numerose cadute, cerco di trovare sempre il modo per rialzarmi e dare il meglio, per me e per la mia famiglia, punto di riferimento e fonte di ispirazione in ogni momento. La passione per la Formula 1 è iniziata circa durante gli ultimi anni dell’era Schumacher in Ferrari e, da quel momento, non mi ha più abbandonata. Il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo, la velocità sono tutti elementi che mi tengono incollata allo schermo e mi fanno venire la pelle d’oca. Il team a cui sono legata è Ferrari, con cui condivido gioie, dolori, rabbia, quasi come se vivessi in prima persona l’esperienza del Gran Premio: nonostante tutto, le emozioni che la scuderia e la Formula 1 riescono a regalarmi, sono qualcosa che è difficile spiegare a parole.

Aspetta! C'è dell'altro!