2019Formula 1

Formula 1 | Ross Brawn: “Il valore di questa Mercedes è inferiore a quello della Williams del 1992”

Il direttore tecnico della Formula 1, Ross Brawn, sostiene che la Williams del ’92, sia superiore alla Mercedes W10

Topics

Dopo tre gare di campionato la Mercedes è già in fuga nel Mondiale, con tre doppiette e punteggio pieno nel Costruttori. Solo nel 1992 alla Williams di Mansell e Patrese era riuscita questa impresa. In Italia ci sono già molti ferraristi pronti a rivivere un 2014 bis. Eppure c’è chi sostiene che aldilà del dominio visto in queste prime tre gare, le Frecce d’Argento non riusciranno a scappare in classifica. 

E’ il direttore tecnico della Formula 1, nonchè ex team principal Mercedes, Ross Brawn, a dubitare della supremazia del team anglo-tedesco. Nel suo tradizionale resoconto post-gara, Brawn ha paragonato la Mercedes, con la Williams del ’92, specificando come Hamilton e Bottas, non vivranno la stessa superiorità tecnica.

“La Williams del 1992 aveva un pacchetto tecnico nettamente superiore anche grazie alle sospensioni attive. Il che permise a Nigel Mansell di portare a casa una lunga serie di vittorie, interrotta solo dall’incredibile prestazione di Ayrton Senna a Monaco. Tuttavia nonostante le statistiche, non credo che questo 2019 sia un remake del 1992.” Afferma Ross Brawn.

“Le tre doppiette consecutive della Mercedes hanno certamente un valore inferiore a quelle della Williams. La Mercedes è un team che sta lavorando alla perfezione al momento; la Williams vantava un pacchetto tecnico di gran lunga superiore agli altri. Ma è anche giusto dire che questa Mercedes ha rivali più forti di quella Williams.”

La Ferrari ha dimostrato di poter star davanti al team di Brackley, ma deve funzionare tutto al 100%. “Le prime tre gare hanno confermato che se la Ferrari vuole sfidare la Mercedes tutto deve essere perfetta in tutti i livelli: prestazione, affidabilità e lavoro di squadra. Questo è quello che Binotto e i suoi ragazzi devono fare e, conoscendo Mattia, sono certo che ne è consapevole e  che dedicherà tutte le sue energie per far si che ciò accada”. Conclude Ross Brawn.

Non possiamo sapere come finirà questo campionato, ma Ross Brawn, non è uno che parla a vanvera. Dunque amici ferraristi non disperate. La stagione è lunga e tutto è ancora da decidere.

Topics
Pubblicità

Gabriele Gramigna

Mi chiamo Gabriele, ho 17 anni e frequento il quinto liceo scientifico di Campobasso. Sono cresciuto con una grande passione per i motori, che è sfociata in un amore viscerale per la massima competizione motoristica, la Formula 1. A farmene innamorare un certo Fernando Alonso, pilota che tifo dal 2013!

Altri articoli interessanti

Back to top button