2018Curiosità dalla F1

Formula 1 | Pit stop pericolosi? La FIA pensa a modifiche contro gli unsafe release

Tiene banco il problema dei pit stop in Formula 1. Dopo appena tre Gran Premi si è registrato già il quinto unsafe release dell’anno

Topics

Modifiche in previsione per il futuro della Formula 1. Proprio in occasione del Gran Premio di Cina appena trascorso, terzo appuntamento del Mondiale 2018, durante la gara si è registrato il quinto unsafe release dell’anno. Protagonista dell’ennesimo fattaccio è stato Stoffel Vandoorne, mandato in pista dalla McLaren nonostante una gomma non fosse stata avvitata a dovere.

Questa situazione ha messo in allarme la FIA e in particolar modo il direttore di gara Charlie Whiting che, dopo aver aperto un’inchiesta sui pit stop, ha deciso di rivedere alcune soluzioni per diminuire sensibilmente il numero di unsafe release.
Credo che potremmo introdurre nuovi espedienti per migliorare alcune cose e diminuire la possibilità d’errore – ha dichiarato il Racing Director ai colleghi di motorsport.com – Abbiamo la necessità di analizzare tutto, capire dove intervenire affinché la vettura venga rilasciata solo in condizioni di sicurezza“.

In particolar modo la Federazione Internazionale starebbe pensando di introdurre una nuova tipologia di pistole da utilizzare per i pit stop che presentino due sensori, uno per garantire la buona riuscita di avvitamento del dado e uno per controllare la posizione nel caso non sia stato inserito correttamente: “Usando due sensori che indicheranno all’operatore se le operazioni siano andate a buon fine potremmo avere risultati migliori “.

Sull’argomento si è già avventurato anche Bob Bell, direttore tecnico del team Renault Formula 1, convinto che i sensori dovrebbero essere non solo essere resi obbligatori per regolamento a partire dal 2021. Whiting però sembra avere un’opinione diversa da quella dell’ingegnere irlandese: “Non credo che dovremmo arrivare al punto di standardizzare i sensori ma fare in modo di studiare un sistema che possa non permettere all’operatore di dare l’OK al rilascio della vettura se non saranno soddisfatte entrambe le condizioni“, ha concluso.

Topics
Continua la lettura

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora, ho 30 anni e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono una dog-sitter. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso, cosa che mi ha creato non pochi grattacapi. Sono una tifosa di Formula 1 atipica: non ho un team del cuore ma il pilota, Fernando Alonso che tifo fin dal 2001. Sono pignola ma disordinata, pasticciona e folle.

Aspetta! C'è dell'altro!