2018Formula 1Gran Premio Brasile

Formula 1 | Misure di sicurezza extra per il Gp del Brasile

Dopo i tentativi di rapina registrati nel 2017 il Circus corre ai ripari

Topics

Il Circus adotterà particolari misure di sicurezza in vista del Gp del Brasile per evitare che si ripetano i tentativi di rapina avvenuti l’anno scorso: infatti nel 2017 diverse squadre e membri delle stesse hanno subito tentativi di rapina mentre viaggiavano da e verso il circuito durante il weekend di gara.

Le preoccupazioni per la sicurezza del personale hanno spinto Pirelli ad annullare i post gara programmati con la McLaren. Addirittura c’è chi dice che la F1 potrebbe non correre mai più ad Interlagos.

I team sono stati rassicurati dalla FIA e dai promoter locali, ma alcune scuderie come la Force India adotteranno ulteriori misure di sicurezza..

“Siamo fortunati che nel corso degli anni non sia successo niente a noi, ma prendiamo la cosa sul serio. Prenderemo precauzioni che altri team non hanno preso in passato e finora, per fortuna, non è accaduto niente alla nostra squadra. Ora faremo ancora più attenzione, dopo quello che è successo alla Mercedes l’anno scorso“, ha spiegato Otmar Szafnauer, team principal della Force India.

“Abbiamo sempre preso delle precauzioni. Vi faccio un esempio: le nostre navette per l’equipaggio non hanno adesivi, tutti i pass per il parcheggio sono rimovibili, non c’è nulla della Force India su di essi. Non indossiamo la divisa della squadra, ma abiti normali. Facciamo tutto questo solo per evitare di catturare l’attenzione. Personalmente lo faccio anch’io: quando siamo in macchina non c’è nulla che dica che siamo di un team di F1 o associato a questo. Continueremo a farlo e guarderemo anche oltre, se avremo bisogno di qualche tipo di sicurezza“.

Topics
Pubblicità

Christian Caramia

Mi chiamo Christian e ho 27 anni, vivo a Martina Franca (Taranto). Appassionato fin da piccolo di Formula 1, da bambino i miei idoli erano Ayrton Senna e Jean Alesi. Sono cresciuto prima con Michael Schumacher e poi con Kimi Raikkonen. Grazie a loro sono qui a scrivere di questo magnifico sport.

Altri articoli interessanti

Back to top button