2019Formula 1

Formula 1 | Le prestazioni del 2018 non hanno convinto: Bottas abbandonato dal suo sponsor

La società finlandese Wihuri group, in virtù degli scarsi risultati ottenuti, ha deciso di interrompere la storica partnership con Valtteri Bottas

Topics

E’ notizia delle ultime ore il divorzio tra Vatteri Bottas e la società Wihuri group, lo storico sponsor del pilota finlandese che lo ha seguito e sostenuto durante tutta la carriera, velocizzando il processo di crescita che lo ha portato a guidare per un team importante come Mercedes. Il gruppo finlandese, capitanato dall’ex pilota Antti Aarnio-Wihuri, non è rimasto soddisfatto dalle prestazioni di Valtteri Bottas in questo 2018, anno durante il quale proprio quest’ultimo non è stato in grado di trionfare neanche in un’occasione, perdendo quasi sempre il confronto con il compagno Lewis Hamilton.

Una stagione difficile per Valtteri Bottas, conclusa al quinto posto nella classifica generale: troppo poco per un pilota che ha tra le mani una vettura veloce e performante come la W09. Il finlandese dice addio allo sponsor che, oltre ad accompagnarlo durante tutta la carriera, è stato determinante per il suo passaggio dalla Williams alla Mercedes nel 2017.
Una presa di posizione netta quella del boss di Wihuri group, rimasto deluso dalle performance del finlandese: “Non andremo avanti nella sponsorizzazione. -ha dichiarato Antti Aarnio-Wihuri- Considerando il beneficio che avevamo dagli investimenti, abbiamo deciso che era troppo costoso per noi“.

L’avventura di Bottas in Mercedes proseguirà anche nel 2019, un anno durante il quale dovrà dimostrare di meritare il sedile del team di Brackley e dovrà gestire al meglio il difficile confronto con Lewis Hamilton, una sfida quasi proibitiva anche per Antti Aarnio-Wihuri: “E’ difficile essere il compagno di squadra di Lewis Hamilton, ma Valtteri nella classifica generale è finito dietro anche a molti altri piloti, finendo solo quinto: è stato un risultato piuttosto deludente“, ha dichiarato l’ex pilota. Prestazioni che non hanno convinto il gruppo finlandese, consapevoli però delle sfortune ed ordini di scuderia che non hanno permesso a Bottas di vincere anche in circostanze favorevoli: “In parte non è stata colpa sua, molte volte le cause delle sconfitte sono state la squadra e i problemi tecnici“, ha concluso il boss finladese.

Topics
Pubblicità

Andrea Barilaro

Mi chiamo Andrea, ho 21 anni, abito a Milano e sono uno studente universitario. Ho una passione enorme per Formula 1 fin da piccolo, e negli anni questa passione è diventata sempre più grande. Il sogno è quello di far diventare questa passione un lavoro in futuro: ho iniziato a scrivere i primi piccoli articoli già a 10 anni, e col passare del tempo ho sempre dedicato molto tempo a questa passione. Il primo ricordo di Formula 1 che ho risale al gran premio di Monza del 2007, quando andai all'autodromo per la prima volta con mio padre a vedere la gara, e da quel momento non ho più abbandonato questo meraviglioso sport.

Altri articoli interessanti

Back to top button