2018

Formula 1 | La FIA dà ragione a Mercedes: “Nessun olio aggiuntivo nel turbocompressore”

Dopo la richiesta di chiarimento da parte dei motoristi di Mercedes, Charlie Whiting ha sottolineato come nessun team possa sfruttare olio aggiuntivo nel turbocompressore, Ferrari penalizzata?

Topics

L’articolo 20 del Regolamento Tecnico della Formula 1 parla chiaro, recitando che: “nessun concorrente può utilizzare più di un olio nel motore durante un evento”. Proprio partendo da questo articolo, il team Mercedes aveva chiesto dei chiarimenti alla FIA in merito alla possibilità o meno di utilizzare olio additivo per la lubrificazione del turbocompressore oltre la regola, introdotta a metà della scorsa stagione, di un consumo massimo complessivo pari a 0,6 kg per 100 km.

Una regola che, a seconda di Mercedes, non verrebbe rispettata dalla Ferrari che in questo modo sarebbe riuscita ad incrementare la potenza durante la qualifica. A testimoniare il fatto, ci sarebbero le tre pole position nei primi cinque GP, dopo che la scuderia della Freccia a Tre Punte era riuscita a quasi monopolizzare le partenze al palo per quattro anni.

La lettera di chiarimento inviata da Chris Jilbert, ingegnere del reparto motoristico Mercedes HPP con sede a Brixworth, a Charlie Whiting recitava così: “Ad eccezione dei fluidi utilizzati nei circuiti di raffreddamento dell’ERS e dell’olio usato nel sistema idraulico che fa funzionare gli attuatori della power unit (entrambi dovrebbero avere un consumo tendente zero), tutti gli oli utilizzati devono conformi all’articolo 20?”

Pronta è stata la risposta da parte del direttore di gara sottolineando che “…tutti gli oli utilizzati nel motore devono essere conformi all’articolo 20 del Regolamento Tecnico di F1 e il turbocompressore è considerato parte del motore”.

Ferrari trema? Al momento non pare così, ma la parola spetterà alla pista dove vedremo se, nonostante il chiarimento FIA, il team di Maranello riuscirà ancora a sfruttare la maggiore competitività in qualifica mostrata in tre dei primi cinque appuntamenti stagionali. Ora andremo sulla pista probabilmente meno adatta per trarre conclusioni, visto che il circuito di Monaco, date le basse velocità, è probabilmente quello meno sollecitante per il Power Unit.

Topics
Pubblicità

Samuele Fassino

Mi chiamo Samuele, ho 19 anni. Sono un grande appassionato di motori, specie di Formula 1 nella quale spero di lavorare un giorno. Oltre ai motori le mie passioni si estendono al calcio ed alla filosofia anche se, più in generale, mi piace tenermi informato su qualsiasi tema. Sono molto determinato e cerco sempre ottenere il massimo da ogni situazione.