20182019DichiarazioniFormula 1Gran Premio Stati Uniti

Formula 1 | Kimi Raikkonen: “Il mio tempo in F1 non è finito!”

Kimi Raikkonen ci tiene a precisare che la vittoria ottenuta ieri, non cambia nulla per quel che riguarda la sua decisione di andare all’Alfa Romeo Sauber, anzi ribadisce che ha bisogno di nuove sfide

Topics

Kimi Raikkonen non si pente della sua decisione di andare all’Alfa-Sauber nelle prossime due stagioni, dopo aver ottenuto la vittoria con la Ferrari ieri ad Austin, dopo cinque anni dalla sua ultima vittoria. Il finlandese ha sottolineato che è ancora competitivo nonostante sia il pilota con più anni sulla griglia. La sua vittoria di ieri mostra a coloro che non credono in lui che può ancora vincere, quindi Kimi Raikkonen spiega che il suo tempo in Formula 1 non è ancora finito affermando: “Forse sto invecchiando, ma non sono ancora così male, per me va bene restare ancora qualche anno. Il mio tempo in Formula 1 non è ancora finito”.

La sua vittoria negli Stati Uniti non cambierà il fatto che entro la fine del prossimo mese non sarà più un pilota della Ferrari, poiché crede nel progetto dell’Alfa Romeo Sauber. A riguardo perciò ha dichiarato: “Penso che molta gente non capisca che sono davvero molto felice di andare all’Alfa Romeo Sauber. Ho avuto il mio tempo con la Ferrari, ho vinto il campionato con lei, molte gare ed ora sia come uomo che come pilota ho bisogno di sfide e stimoli differenti. La sede si trova a meno di 40 minuti da casa mia, la mia famiglia sarà felice e io sono felice di essere più vicino alla mia famiglia, penso che questa sia la cosa migliore. Io non sono assolutamente deluso della scelta che ho fatto”.

Ma Kimi Raikkonen non è l’unico ad essere felice della sua vittoria. La stampa italiana l’ha applaudito, infatti il giornale La Gazzetta dello Sport a riguardo ha scritto: “Dice addio alla Ferrari con una vittoria dopo cinque anni. Vittoria che arriva in un momento molto difficile per il team e che dimostra che il suo tempo in Formula 1 non è affatto finito, seppur i suoi 39 anni. Non è stato Sebastian Vettel a rimandare la festa di Lewis Hamilton, ma Kimi Raikkonen e Max Verstappen”.

Topics
Pubblicità

Sabrina Aceto

Mi chiamo Sabrina ho 27 anni e sono milanista sfegatata da quando sono nata. Quando meno me l'aspettavo, la Formula 1 mi ha stravolto la vita e grazie a Fernando Alonso e ad Ayrton Senna mi sono innamorata di questo magico sport. Avere due miti come loro è un vero onore ed essere Alonsista è pura magia! Il mio tifare per il pilota, agli occhi di molti mi rende una tifosa atipica, ma come dice il mio cantante preferito Nesli “Cosa diranno non importa, non conta più, perché alla fine ciò che resta sei solo TU!” Ed è vero, ciò che conta veramente sono le emozioni ed i valori che una persona riesce a trasmetterci, ciò che dicono gli altri non ha importanza.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button