2016Mercato Piloti F1

Formula 1, Kevin Magnussen ce la fa: in Renault al posto di Maldonado

Anche se non c’è ancora nulla di ufficiale sembra proprio che Kevin Magnussen ce l’abbia fatta. Il pilota danese, scaricato dalla McLaren il giorno del suo compleanno, correrà per la Renault in coppia con Jolyon Palmer dove potrà mettere in bella mostra tutta la sua velocità e aggressività in pista. L’indiscrezione è giunta dai colleghi di Omnicorse.it, e in particolar modo il Direttore Franco Nugnes ha lasciato intendere che la conferma di Kevin Magnussen verrà data mercoledì 3 febbraio, quando saranno ufficializzati anche i piani del ritorno in Formula 1 del team di Enstone.

Il pilota danese avrebbe anche già trascorso del tempo nel quartier generale del team provando il sedile della nuova monoposto e concentrandosi in una lunga sessione al simulatore. A farne le spese è invece Pastor Maldonado che si è visto soffiare il posto dal 23enne. Il petrolio, grande alleato del venezuelano per tutta la sua carriera in Formula 1, ne è diventato improvvisamente il suo principale nemico.

Il pilota sudamericano ha sempre goduto dell’appoggio della PDVSA, compagnia petrolifera nazionale del suo Paese, che però non è riuscito a garantire i 30 milioni di euro per la stagione 2016, motivo per il quale Maldonado si è trovato magicamente a piedi. Davanti a una Nazione dove la popolazione è alle prese con evidenti difficoltà per affrontare la vita quotidiana, il government del Venezuela, presieduto da Nicolas Maduro, che ha preso il posto di Hugo Chavez alla sua morte, ha deciso di chiudere i rubinetti visto che, anno dopo anno, era sempre più complesso giustificare un investimento come quello su Maldonado.

Topics
Pubblicità

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora, ho 32 anni e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono un'educatrice cinofila. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso. Per me la sincerità e la franchezza sono alla base di ogni rapporto umano. Sono pignola e puntigliosa ma disordinata e pasticciona allo stesso tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close