2018Dichiarazioni dei PilotiGran Premio Azerbaijan

Formula 1 | GP Azerbaijan 2018, Raikkonen e Vettel in coro: “Possiamo migliorare”

Una giornata travagliata in casa Ferrari: dopo un difficile inizio di weekend, nella seconda sessione il passo delle due Rosse si è allineato alle aspettative

Topics

La prima sessione di libere della giornata avrebbe potuto portare scompiglio in casa Ferrari, dopo che sia Vettel che Raikkonen avevano dovuto lottare parecchio con la vettura, ma un cambio di setup e la pista meno green hanno fatto fare il passo in avanti sperato. Nel pomeriggio infatti, Kimi Raikkonen è riuscito a piazzarsi seconda posizione, a sandwich tra le due velocissime Red Bull. Più lontano Sebastian Vettel, solo undicesimo, ma veloce e consistente su passo.

“La giornata è andata bene” – ha spiegato Raikkonen. L’inizio non è stato facile, per cui durante la prima sessione di prove abbiamo deciso di passare ad un altro assetto. Purtroppo queste modifiche richiedono del tempo, ma preferisco lasciar stare o perdere del tempo durante la prima sessione per poi essere pronto nel secondo turno. Nel complesso è stata la scelta più giusta e la seconda sessione è andata bene.”

“Questo è un circuito cittadino, ma non di tipo tradizionale. L’aderenza era assai limitata, principalmente perché qui si usa un basso carico aerodinamico. Senza dubbio si può sempre migliorare, ma oggi non eravamo lontani dalla vetta della classifica. Credo che il long run sia andato bene, il passo gara non era male. Ora dobbiamo analizzare tutti i dati e vedere cosa fare per domani”.

Ottimismo anche da parte di Sebastian Vettel che sente di poter trovare più prestazione dalla vettura domani: “Credo che qui sia molto difficile trovare il giusto ritmo e io non ci sono riuscito durante la prima sessione. All’inizio del secondo turno di prove non riuscivo a tenere il passo e fare un buon giro, ma può succedere facilmente qui.”

“Ho fatto qualche errore in frenata, ma penso che il long run sia andato meglio. Credo che possiamo migliorare per domani e dovremmo andare bene. Dopo tutto è solo l’inizio. Dobbiamo capire di cosa ha bisogno la vettura e abbiamo un po’ di tempo per mettere a posto tutto. Speriamo che domani vada meglio”.

Topics
Pubblicità

Samuele Fassino

Mi chiamo Samuele, ho 19 anni. Sono un grande appassionato di motori, specie di Formula 1 nella quale spero di lavorare un giorno. Oltre ai motori le mie passioni si estendono al calcio ed alla filosofia anche se, più in generale, mi piace tenermi informato su qualsiasi tema. Sono molto determinato e cerco sempre ottenere il massimo da ogni situazione.

Altri articoli interessanti