2018Gran Premio Monaco

Formula 1 | Come sono le condizioni delle Power Unit in vista del Gp Monaco 2018 ?

Diamo un’occhiata allo stato delle Power Unit dei piloti, giunti alla sesta tappa della stagione di Formula 1 2018 con il Gp Monaco

Topics

Siamo già alla sesta tappa del Mondiale di Formula 1 2018, e la situazione si sta facendo seria per alcuni piloti e team a proposito di componenti delle Power Unit, che nel nuovo regolamento si dice che ogni pilota è permesso l’utilizzo di solo tre di ogni componente che compongono le Power Unit. Se dovessero usare il quarto, rischiano di incappare in penalità da parte della FIA con perdite di posizioni sulla griglia di partenza.

Ogni componente deve durare almeno 21 gare, che significa che deve durare in media 7 gare prima di essere sostituito. Molti team arrivano a Monaco, ancora con il loro primo set di componenti.

Vediamo la situazione dei piloti e delle loro Power Unit alla vigilia del Gp Monaco 2018:

Brendon Hartley arriva a Montecarlo in una pessima posizione in classifica con la Toro Rosso, dopo aver cambiato già tre turbocompressori e tre MGU-H in questa stagione, uno in più e rischia di scivolare in fondo alla griglia di partenza per scontare la penalità.

Il pilota Neozelandese ha cambiato anche due motori, due MGU-K, due batterie e due controlli elettronici. Uno in più e supera il limite permesso dal regolamento e con il rischio di incappare in penalità.

Non è messo meglio di Hartley, la Red Bull di Daniel Ricciardo, che ha usato due di ogni elementi. Dietro di Ricciardo, c’è Kevin Magnussen, che si presenta insieme a Romain Grosjean con due nuovi motori, turbocompressori e MGU-H sulle rispettive Haas: il pilota Danese ha usato due di ogni componenti tranne MGU-K che dura dalla prima gara.

Per il weekend Monegasco, la Sauber ha schierato lo stesso set di aggiornamenti per Marcus Ericsson e Charles Leclerc. Ciò li porta ad occupare la stessa posizione di Grosjean e della Ferrari di Kimi Raikkonen e della Toro Rosso di Pierre Gasly.

Solo quattro piloti hanno evitato qualsiasi aggiornamenti di questo tipo: la Mercedes di Lewis Hamilton, la Force India di Esteban Ocon, le due Williams di Lance Stroll e di Sergey Sirotkin che sono messi meglio.

Qui di seguito la tabella riassuntiva dello stato dei componenti delle Power Unit utilizzati da ogni pilota:

Piloti Team ICE  TC MGU-H MGU-K ES CE
Lewis Hamilton Mercedes 1 1 1 1 1 1
Valtteri Bottas Mercedes 1 1 1 1 2 2
Sebastian Vettel Ferrari 1 1 1 1 1 2
Kimi Raikkonen Ferrari 2 2 2 1 1 1
Daniel Ricciardo Red Bull 2 2 2 2 2 2
Max Verstappen Red Bull 1 1 1 2 1 1
Sergio Perez Force India 1 1 1 1 2 1
Esteban Ocon Force India 1 1 1 1 1 1
Lance Stroll Williams 1 1 1 1 1 1
Sergey Sirotkin Williams 1 1 1 1 1 1
Nico Hulkenberg Renault 1 1 2 1 1 1
Carlos Sainz Renault 1 1 2 1 1 1
Brendon Hartley Toro Rosso 2 3 3 2 2 2
Pierre Gasly Toro Rosso 2 2 2 1 1 1
Romain Grosjean Haas 2 2 2 1 1 1
Kevin Magnussen Haas 2 2 2 1 2 2
Fernando Alonso McLaren 1 2 1 1 1 1
Stoffel Vandoorne McLaren 1 1 1 1 1 2
Marcus Ericsson Sauber 2 2 2 1 1 1
Charles Leclerc Sauber 2 2 2 1 1 1

Topics
Pubblicità

Giorgia Meneghetti

Mi chiamo Giorgia, classe 1986 residente a Fermo nelle Marche. Le mie passioni sono i cavalli e la Formula 1 che seguo dall'Agosto 1998, avendo così avuto la possibilità di vedere correre un certo Michael Schumacher, che poi diventerà il mio pilota preferito, e quindi la Ferrari, di cui sono tifosa sfegatata. Negli ultimi anni, mi sono appassionata di un altro pilota, Fernando Alonso, che apprezzo molto per le sue doti di guida, talento e il suo modo di approcciare una gara, una nuova avventura impegnandosi al 100%. Il mio sogno è di poterlo incontrare un giorno.

Altri articoli interessanti

Back to top button