2018Formula 1

Formula 1 | Charles Leclerc: “Via dalla Ferrari se non sarò abbastanza veloce”

Charles Leclerc, che prenderà il posto di Raikkonen in Ferrari, ha dichiarato che la Rossa dovrebbe licenziarlo in caso non fosse all’altezza

Topics

L’attuale pilota Sauber Charles Leclerc, legato alla Ferrari e suo futuro pilota nel 2019 in compagnia al tedesco Sebastian Vettel ritiene che il team di Maranello dovrebbe “lasciarlo andare” se riterranno che non si attenga allo standard delle loro aspettative.

A settembre il pilota monegasco è stato annunciato come pilota della Ferrari, dopo il weekend del Gran Premio d’Italia, come sostituto di Kimi Raikkonen, ultimo pilota ad aver vinto il titolo mondiale con la Ferrari nel 2007.

Charles Leclerc ha affermato di non sentirsi nervoso e di essere in grado di gestire la pressione che ci saranno in Ferrari nel 2019, queste dichiarazioni, sono quelle che il pilota monegasco ha dichiarato al programma podcast della Formula 1 Beyond The Grid: “Non sono una persona nervosa, ci sono tensioni in questo sport e all’inizio, c’è l’adrenalina, ma non direi che è nervosismo, se mi chiedi della pressione, penso di poterla gestire perché ho una mentalità che non sento affatto la pressione. So che molte persone dicono <si, ma la pressione in Ferrari è su un altro livello, ma la mia mentalità mi consente di togliermi tutta la pressione”.

Non prendo realmente in considerazione ciò che le persone si aspettano da me. L’unica cosa che faccio è concentrarmi su me stesso e cercare di dare le migliori prestazioni possibili in pista. Sono anche molto onesto, se non sarò abbastanza buono il prossimo anno dovrei essere lasciato dalla Ferrari e questo sarebbe completamente comprensibile per me. Questo è come la vedo io. Se sono abbastanza bravo, merito di rimanere li. Se non lo sono, merito di essere lasciato fuori e penso che mi prenda molta pressione dalle spalle”.

Dopo ciò, la Ferrari è stata spesso conosciuta per aver favorito un particolare pilota nella sua lunga storia, tuttavia, il giovane pilota ritiene che non ci sia nulla nel suo contratto per il 2019 o nelle sue abilità e capacità che gli impedisca di affrontare ad armi pari il suo futuro compagno di squadra quattro volte campione del mondo.

Infatti Charles Leclerc ha dichiarato: “So che molte persone stanno pensando questo e io sto dicendo che non cambierà ciò che la gente pensa. Ma come in ogni squadra, inizi l’anno a parità di condizioni e poi a un certo punto, quando un pilota sta combattendo per il campionato e uno no. Quindi credo che sia normale per il secondo pilota aiutare il primo, che sono pronto a fare nel caso io sia il secondo pilota e non ho le mie possibilità di vincere il campionato. Ma a parte questo non credo che andrò lì per essere un secondo pilota“.

Ruggiero Dambra

 

Topics
Pubblicità

Ruggiero Dambra

Mi chiamo Ruggiero e sono un ragazzo di 20 anni, studente di giurisprudenza (presso l'UniBa) ma appassionato di Formula 1 fin da bambino e tifoso della Ferrari, ma quando scrivo metto da parte ogni fede e divento il più imparziale degli imparziali. Tifoso di Kimi Raikkonen e Fernando Alonso ma allo stesso momento di ogni pilota che passa sul sedile della rossa di Maranello. Il mondiale? Mi auguro che lo vinca sempre il migliore.

Altri articoli interessanti

Back to top button