2019Dichiarazioni dei PilotiFormula 1Gran Premio Azerbaijan

Formula 1 | Carlos Sainz: “A Baku può succedere qualunque cosa, sono fiducioso sulla McLaren”

Carlos Sainz, alla vigilia del weekend a Baku, nutre buone aspettative attorno al suo team e crede di poter fare molto bene in Azerbaigian

Topics

L’inizio di stagione di Carlos Sainz alla McLaren è riassumibile con una parola: sfortuna. I primi tre appuntamenti, tra guasti meccanici e incidenti di gara, hanno fatto totalizzare allo spagnolo zero punti in campionato, ma la sua McLaren si è dimostrata, soprattutto nei primi due appuntamenti, molto competitiva ed in grado di andare costantemente a punti.
Lo spagnolo, al suo primo anno in McLaren, è ben consapevole dei limiti che ha la monoposto, ma è convinto comunque di poter fare bene e togliersi molte soddisfazioni, partendo già dalla gara di Baku.

Vincere è sempre il mio obiettivo, ma purtroppo non possiamo ancora farlo. E’ difficile sapere già il Giovedi chi sarà il migliore, ma si tratta di un fine settimana che ritengo potrà essere positivo per me“, ha sottolineato Sainz da Baku, il quale ricorda come negli anni passati siano riusciti a fare podio anche piloti non appartenenti ai top team: “Qui in gara si possono mischiare le carte, e l’esempio sono i podi ottenuti da Force India e Williams. Avevano un motore Mercedes che li ha aiutati molto, ma quest’anno anche noi abbiamo un motore migliore e siamo stati più competitivi sul dritto“, ha detto Sainz.

L’obiettivo per Carlos è semplice: avere un weekend nel quale vada tutto liscio ed ottenere i primi punti: “Questo è un fine settimana importante per assicurarci di aver risolto tutti i problemi di affidabilità. La mia stagione è iniziata bene tranne che per i risultati, anche se sono la parte più importante. Sono molto contento di queste prime tre gare, ma ci servono punti e spero di raggiungere questo traguardo“, ha detto Sainz.

Topics
Pubblicità

Andrea Barilaro

Mi chiamo Andrea, ho 21 anni, abito a Milano e sono uno studente universitario. Ho una passione enorme per Formula 1 fin da piccolo, e negli anni questa passione è diventata sempre più grande. Il sogno è quello di far diventare questa passione un lavoro in futuro: ho iniziato a scrivere i primi piccoli articoli già a 10 anni, e col passare del tempo ho sempre dedicato molto tempo a questa passione. Il primo ricordo di Formula 1 che ho risale al gran premio di Monza del 2007, quando andai all'autodromo per la prima volta con mio padre a vedere la gara, e da quel momento non ho più abbandonato questo meraviglioso sport.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button