Curiosità dalla F1Formula 1

FIA e Fondazione Keep Fighting unite per la sicurezza

Le due associazioni hanno dato il via a un’iniziativa che punta a rendere il casco più accessibile e sicuro, soprattutto per i piloti

Le due realtà hanno dato vita a un progetto che mira a sensibilizzare l’utilizzo del casco, strumento che dovrebbe essere reso maggiormente accessibile

La FIA e la Fondazione Keep Fighting, dedicata proprio a Michael Schumacher, hanno dato inizio a un’iniziativa molto interessante. All’interno del programma “Casco sicuro e conveniente”, la Federazione ha deciso di appoggiare la Fondazione per sensibilizzare all’utilizzo del casco. È dimostrato, infatti, che usandolo i piloti possono ridurre del 44% le lesioni alla testa.

Al momento, il piano prevede la produzione di 5.000 unità, da condividere prima di tutto con i paesi più poveri, che vantano poche risorse. Il progetto è destinato a entrare in vigore a partire dal prossimo anno, per cui non sono ancora state rese note tutte le nazioni principalmente coinvolte. Inoltre, altro obiettivo che le due associazioni si sono prefissate, è quello di rendere questo strumento il più accessibile possibile. Una volta lanciato il prodotto, infatti, l’idea è quella di far sì che possa essere acquistato in tutto il mondo, per 16.85 euro.

LA GRAFICA DEL CASCO E GLI OBIETTIVI DI FIA E KEEP FIGHTING

La Fondazione Keep Fighting ha deciso di dedicare la grafica del casco al campione tedesco. Il disegno è infatti basato sul logo della fondazione Schumacher: un drago. Quest’ultimo è simbolo di forza e potere ed è molto conosciuto e utilizzato tra i tifosi di Michael Schumacher. In alcuni paesi, inoltre, l’iniziativa sta già iniziando a muovere i primi passi: India, Jamaica e Tanzania.

Altri Paesi che hanno deciso di aderire al progetto a partire dal 2021 sono ColombiaRepubblica Dominicana Costa Rica. L’obiettivo, oltre a quelli precedentemente evidenziati, è quello di aumentare la produzione di caschi in determinati paesi, per poi estenderla anche al resto del mondo. Un’iniziativa, in altre parole, che punta a divulgare un tema legato alla sicurezza e fondamentale nell’ambito del motorsport, così come in diversi altri settori sportivi.

La Fondazione è molto orgogliosa di poter appoggiare questo programma di caschi sicuri e convenienti della FIA. Crediamo che sia un tema in cui sia fondamentale essere coinvolti. Vogliamo aumentare la sicurezza con una tecnologia più avanzata, rendendola accessibile. Un argomento che è sempre stato caro a Michael. Speriamo di creare un susseguirsi di iniziative mondiali, a partire da questo progetto“, ha dichiarato Sabine Khem, presidente della Fondazione.

Pubblicità

Anna Vialetto

Anna è sinonimo di determinazione, concentrazione e curiosità. Ho sempre studiato e lavorato per rincorrere e realizzare i miei sogni, con l'obiettivo di concretizzarli in quella che è la mia più grande passione: l'automotive. La Formula 1 per me è parte integrante della mia personalità: il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo centimetro, la velocità delle monoposto. Ma soprattutto, tutto il mondo che sta dietro allo spettacolo in pista: l'organizzazione, la comunicazione, il marketing, l'energia...la stessa che, fin da quand'ero bambina, mi ha portata a coltivare questo grande amore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.

Utilizziamo servizi di terze parti per analizzare il traffico sul nostro sito e restare in contatto con i nostri visitatori. Vengono quindi trattati dati anonimi di navigazione e altri dati simili per mezzo di cookie, come indicato nelle nostre policy. Accettando l’uso dei cookie ci aiuti ad offrirti un’esperienza migliore con i nostri servizi.