Formula 1

Ferrari sospende la produzione a causa del coronavirus

Anche gli stabilimenti del Cavallino di Maranello e Modena si sono fermati dopo l’ultimo decreto sul coronavirus

La Ferrari ha deciso di interrompere la produzione di automobili a Maranello e Modena con effetto immediato, fino al 29 marzo. L’obiettivo è aiutare il contenimento del coronavirus. Non è solo il Cavallino ad aver deciso di chiudere momentaneamente le fabbriche. Anche la Pirelli infatti ha comunicato un taglio nella produzione presso lo stabilimento di Settimo Torinese.

Tale misura è stata decisa dalla società nell’interesse primario del benessere dei lavoratori e segue una serie di rigorose disposizioni già attuate a tutela della sicurezza dell’ambiente di lavoro, nel rispetto del Decreto del Governo Italiano dello scorso 11 marzo e dei precedenti“, scrive in una nota la Ferrari.

LE PAROLE DI CAMILLERI

A questo proposito, il CEO della Ferrari Louis Camilleri ha espresso la sua vicinanza a tutti i dipendenti italiani in questo momento di estrema difficoltà.

In un momento come questo i miei ringraziamenti vanno prima di tutto alle persone della Ferrari, che con il loro straordinario impegno in questi ultimi giorni hanno dimostrato l’attaccamento e la passione che contraddistingue il nostro marchio“, ha dichiarato Camilleri.

Assieme ai nostri fornitori, sono stati loro a garantire fino ad adesso la continuità aziendale. E’ proprio nel loro rispetto e per la tutela della loro serenità e di quella delle loro famiglie, che abbiamo preso questa decisione. Ferrari ha a cuore naturalmente anche i propri clienti e i propri fan, e per loro ci faremo trovare pronti a una grande ripartenza“.

Pubblicità

Luca Brambilla

Studente universitario all'università di Trento. Redattore presso F1world.it. Appassionato di giornalismo, cinema e sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button