Analisi della redazioneFormula 1Gran Premio Singapore

Ferrari, a Singapore ritorno alla cruda realtà… o forse no

Senza i lunghi rettilinei dove la SF90 mostra tutta la sua potenza e resistenza aerodinamica, sembra difficile che la Rossa possa fare bene

Nonostante la doppia vittoria portata a casa tra le gare di Spa e di Monza, che di fatto hanno salvato la stagione sottotono della Ferrari, a Singapore il Cavallino Rampante torna a fare i conti con tutte le incognite del caso.

Dopo due velocissimi tracciati dove si sono disputati rispettivamente il Gran Premio del Belgio e d’Italia, la Ferrari, questo weekend scenderà in pista a Singapore. Il circuito di Marina Bay, a differenza di Spa e di Monza, è un cittadino non permanente caratterizzato da curve tortuose, basse velocità di punta e la richiesta di un carico aerodinamico scarso. Per dirla in poche parole: tutti i punti di forza di Mercedes e Red Bull.

E proprio i numerosi dati raccolti tra le gare di Spa e Monza, rafforzano questa idea. In Belgio, ad esempio, nel primo e nel secondo settore della pista, quelli più veloci, la Ferrari riusciva a incrementare sulla Mercedes rispettivamente di sei e quattro decimi. Mentre, nell’ultima parte del circuito, la più lenta e tortuosa, la Rossa perdeva tre decimi e mezzo.

SINGAPORE PISTA MERCEDES/RED BULL

Senza i lunghi rettilinei dove la SF90 può dare prova di tutta la sua potenza del motore e resistenza aerodinamica, caratteristiche imprescindibili per la vettura del team di Maranello, sembra davvero che la Ferrari sarà obbligata a soffrire, e non poco, a Singapore.

Come se già non fosse sufficiente la Mercedes, a rovinare i piani della scuderia italiana potrebbe inserirsi anche la Red Bull. Il team di Milton Keynes, in Belgio ha perso molto di più rispetto alla scuderia tedesca nei primi due settori di Spa. Al contrario, la RB15, proprio nell’ultima parte più guidata, riusciva a girare su tempi davvero vicini a quelli fatti segnare dalla Ferrari. E quindi è anche lecito pensare che su una pista come quella di Singapore, proprio la Red Bull potrebbe tirare fuori dal cappello qualche trucchetto per fare male anche alla Mercedes.

E in Ferrari lo sanno che a Marina Bay la SF90 ha grandi possibilità di tornare a soffrire. Non a caso, in una delle ultime interviste rilasciate proprio in questi ultimi giorni, Mattia Binotto, Team Principal della Rossa, non ha nascosto che in piste tipo quella di Singapore o del Giappone, dove l’aerodinamica è un aspetto fondamentale, sarà difficile “essere in grado di vincere“.

A MARANELLO SI LAVORA ANCORA SULLA SF90

Nonostante in questa ultima parte di stagione, saranno non poche le piste sulle quali la SF90 avrà, almeno sulla carta, delle difficoltà, a Maranello si è deciso di continuare a portare avanti lo sviluppo della monoposto. In primis, sebbene i titoli mondiali siamo praticamente nelle mani della Mercedes, la lotta per il secondo posto in entrambe le classifiche è tutto fuorché da definirsi chiusa.

Se nel Costruttori la Ferrari con i suoi 351 punti ha staccato di ben 85 punti la Red Bull, nel Piloti, sia Leclerc sia Vettel hanno tutte le chance di raggiungere e superare Bottas, secondo a 221 punti. Ovviamente Verstappen permettendo.

NON INTERROMPERE LO SVILUPPO HA I SUOI VANTAGGI

In secondo luogo, portando avanti lo sviluppo della SF90, la Ferrari può avvantaggiarsi per il prossimo anno. La scuderia italiana sfrutterà queste ultime gare della stagione per provare alcuni upgrade che sicuramente faranno il loro debutto sulla monoposto 2020.
La vettura dell’anno prossimo sarà un’evoluzione di quella attuale e l’obiettivo principale del Cavallino Rampante porterà gli uomini della Rossa a correggere i problemi a livello aerodinamico e dell’utilizzo delle gomme.

OCCHIO ALLE SORPRESE

Magari a Singapore la Ferrari non riuscirà a vincere ma potrebbe fare bene. Potrebbe regalare ancora qualche soddisfazione ai tifosi della Rossa che seguiranno con trepidazione la gara, da casa. Che si possa fare bene è convinto anche Binotto che recentemente ha elogiato il pacchetto a basso carico aerodinamico portato in Belgio e a Spa.

Anche se in molti non si aspettano grandi cose dalla Ferrari a Singapore, vediamo cosa ci regalerà questa notte asiatica. Magari è il turno del Cavallino Rampante di tirare fuori il coniglio dal cappello.

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono un'educatrice cinofila. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso. Per me la sincerità e la franchezza sono alla base di ogni rapporto umano. Sono pignola e puntigliosa ma disordinata e pasticciona allo stesso tempo.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.