DichiarazioniFormula 1

Febbre Leclerc come fu per Gilles Villeneuve!

Dopo appena una stagione in Alfa Romeo, il monegasco nella stagione successiva passò alla Ferrari

I paragoni non fanno mai bene e alle volte non sono nemmeno troppo graditi ai piloti stessi. Ma c’è già chi nota delle analogie tra Leclerc e Gilles Villeneuve

Per alcuni è sempre stato predestinato alla Ferrari. Una cosa è certa: Charles Leclerc è uno dei piloti più talentuosi attualmente presenti in Formula 1. E, cosa non da poco, uno di quelli che è stato capace a far tornare la passione per la Rossa nei tifosi.
Probabilmente è troppo presto per fare paragoni, ma in quel di Maranello c’è già chi si è spinto troppo in là comparando il pilota monegasco a Gilles Villeneuve.

Il debutto di Leclerc in Formula 1 risale al 2018. Dopo appena una stagione in Alfa Romeo, dove il 24enne si mise subito in luce grazie alle sue qualità velocistiche, nella stagione successiva passò alla Ferrari.
Ed è stato proprio nel 2019 che il monegasco ha impressionato in pista. Nonostante fosse alla sua prima grande occasione in un top team, riuscì immediatamente a mettere alle strette Vettel, che a fine stagione lasciò il Cavallino Rampante.

Similitudini tra Leclerc e Villeneuve

Lo scorso mese, in occasione di un evento svoltosi a Fiorano per celebrare i quarant’anni dalla scomparsa di Gilles Villeneuve, Leclerc ha avuto l’opportunità di guidare l’iconica Ferrari 312T del canadese, del 1979.
Se guardo lo stile di guida, il talento, la passione e il modo in cui è riuscito a coinvolgere i fans, rivedo molte similitudini con Gilles Villeneuve. Ci sono solo pochi piloti in grado di farlo, e penso che Charles sia uno di questi“, ha raccontato il Team Principal della Ferrari, Mattia Binotto, in esclusiva ai colleghi di Motorsport.com.

Proprio grazie a quello che è riuscito a far vedere in queste prime stagioni alla corte della Ferrari, Leclerc ha strappato alla Rossa un contratto a lungo termine, che durerà fino alla fine della stagione 2024.
Gilles Villeneuve è stato fantastico. Ha vinto solo sei GP ma resta per tutti i tifosi e per il Cavallino stesso, il Pilota. Era il suo modo di guidare, il suo modo di comportarsi, la passione che ha mostrato. Sono dell’opinione che Leclerc abbia tutte queste caratteristiche e trovo questo particolare fantastico. Speriamo solo che riesca a vincere più di sei gare“, ha trovato il modo di scherzare Binotto.

La sicurezza, obiettivo primario

Gilles Villeneuve corso per la Ferrari tra il 1977 e il 1982, fino alla tragica morte sul tracciato di Zolder, in occasione delle qualifiche del GP del Belgio. Un tempo i piloti erano considerati dei temerari anche a causa degli scarsi standard di sicurezza delle monoposto. Un punto sul quale la FIA si è impegnata moltissimo nel corso degli anni.

Se diamo un occhio ora alle monoposto di un tempo non possiamo dire che non fossero pericolose – ha detto Binotto – Oggi le vetture sono molto più sicure grazie agli sforzi fatti congiuntamente tra Federazione Internazionale e team che si sono resi disponibili per arrivare a standard di sicurezza di alto livello. Oggi le gare sono molto più sicure: i piloti di un tempo erano dei matti per i rischi che semplicemente avevano deciso di accettare“, ha concluso.

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono un'educatrice cinofila. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso. Per me la sincerità e la franchezza sono alla base di ogni rapporto umano. Sono pignola e puntigliosa ma disordinata e pasticciona allo stesso tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.