DichiarazioniFormula 1

Ecclestone: “Vorrei Hamilton e Verstappen nello stesso team”

L’ex patron del Circus sottolinea che i piloti dipendono dalle prestazioni delle loro monoposto. Inoltre seppur sia convinto che il britannico sia uno dei migliori, vorrebbe vederlo con l’olandese come compagno di squadra

Ecclestone è convinto che Hamilton sia uno dei migliori piloti nella storia della Formula 1, ma vorrebbe vederlo nello stesso team con Verstappen

L’ex patron del Circus afferma che il sei volte campione del mondo sia uno dei migliori, ma al tempo stesso crede di esser stato avvantaggiato negli ultimi anni a causa della superiorità della Mercedes. Bernie Ecclestone infatti vorrebbe vedere Lewis Hamilton in squadra con un pilota come Max Verstappen. Il 90enne britannico sottolinea che Lewis non commette errori, sebbene sia consapevole di avere poca rivalità per la lotta al titolo. Ciò che non gli è così chiaro è se farebbe così pochi errori con un compagno di squadra come il giovane olandese.

L’EX PATRON DEL CIRCUS MUOVERA’ I FILI PER UNIRE IL BRITANNICO E L’OLANDESE NELLO STESSO TEAM?

Ecclestone non osa stabilire chi sia il miglior pilota della storia, visto che è molto difficile confrontare le epoche e fa capire che i piloti dipendono sempre dalle prestazioni delle loro vetture. “In Formula 1, i piloti dipendono dalle loro monoposto. Hamilton è uno dei migliori, senza dubbio. Così come lo è Schumacher. E’ molto difficile determinare chi sia il migliore. Difficilmente si possono mettere a confronto Michael, Lewis o Ayrton dichiara Ecclestone in un’intervista per il sito tedesco Sport1.de.

“Lewis lo merita. Ha sempre battuto i suoi compagni di squadra fino al 2016. Non commette errori quasi mai. E’ come un giocatore di poker che sa di avere quattro assi in mano. Mi piacerebbe vederlo in una squadra con un pilota come Max Verstappen. La mia domanda è se farebbe ancora così pochi errori” aggiunge. L’inglese ammette che la Mercedes è un team imbattibile da quando i propulsori ibridi sono arrivati ​​nel 2014.

In seguito afferma di aver commesso un errore nel cedere il passo a questi motori e ha persino pensato di modificare ciò, ma ormai era troppo tardi. “Dall’avvento dei motori ibridi, la Mercedes è diventata imbattibile. Ho accettato di introdurre questi motori all’epoca, ma dopo poco tempo ho capito che avevo commesso un grosso errore. Volevo cambiar nuovamente ciò, ma ormai era troppo tardi” afferma per concludere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.