Curiosità dalla F1Formula 1

Daniel Ricciardo: l’Alberto Angela d’Australia

Il pilota australiano ha liberato il naturalista che è in lui e ci ha guidati alla scoperta delle pecore nella stagione degli amori

Si è lui stesso definito un seguace di David Attenborough nel avventurarsi nell’entroterra australiano per “studiare” una gregge di pecore nella stagione degli amori. La quarantena con il suo sorriso contagioso sarà certamente più dolce da sopportare

Daniel Ricciardo è forse il più simpatico tra i piloti attualmente in circolazione. Spiritoso, auto ironico e solare, i suoi profili social sono una boccata d’aria fresca in queste giornate di isolamento e incertezze.
La sua ultima trovata? Calarsi per un attimo nei panni del famoso naturalista e divulgatore scientifico David Attenborough e avventurarsi nell’assolata Australia, sua terra natia, per mostrare ai suoi follower uno “spaccato di vita” di un gregge di pecore nella stagione degli amori.

Con un cappello, dei pantaloncini e calzettoni, Daniel cambia voce e si trasforma.

 

View this post on Instagram

 

Sir Daniel Attenborough. Not bad, Danny 😉🐑 . 🎥 x @danielricciardo . #F1 #Formula1 #Ricciardo #Attenborough

A post shared by FORMULA 1® (@f1) on Apr 1, 2020 at 12:05pm PDT

IL NUOVO HOBBY DI RICCIARDO: UN SORRISO DI SPERANZA

E Daniel, oltre a essere un vero talento in pista, non se la cava nemmeno male con le imitazioni. Ecco l’ultima di David Attenborough:  “Eccoci qui, nell’assolata Australia! Qui ci sono delle pecore, delle bellissime pecore. In realtà, sono nella stagione degli amori, quindi dobbiamo stare attenti; potrebbero saltarmi addosso. Venite con me, andiamo a intervistarne qualcuna!” – spiega l’australiano della Renault nel video Instagram.
Dobbiamo dunque aspettarci la seconda parte? Beh, potrebbe essere alquanto interessante! Se non altro, tutto questo rende un po’ meno noiosa l’attesa della stagione di Formula 1, ancora fortemente in bilico.

L’emergenza Coronavirus ha destabilizzato tutti noi, grandi e piccoli. Nessuno era pronto ad affrontare una cosa simile e, nel momento dell’emergenza, dello sconforto e dell’incredulità, ritagliarsi un momento per ridere e rilassarsi è fondamentale. E come fare se non lasciandosi trasportare dall’allegria del nostro Ricciardo?
Sperando che tutto questo possa presto finire, restiamo a casa al sicuro e aiutiamo chi ci aiuta!

Pubblicità

Erika Mauri

Metà brianzola e metà romana, sono laureata in Lingue e attualmente studentessa magistrale di Linguistica applicata nella capitale; da sempre amo scrivere e lavorare con la lingua italiana in tutte le sue forme. Mi definisco una persona dinamica, intraprendente, coraggiosa e amante delle sfide, faccio della mia capacità organizzativa e del problem solving due delle mie qualità migliori, insieme alla facilità di collaborare con altri in gruppo e a un pizzico di anticonformismo. Amo viaggiare e sono appassionata di tecnologia, cinema, musica, lettura e, ovviamente, di Formula 1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button