DichiarazioniFormula 1

Damiani: “Lo Stato aiuti Giovinazzi a rimanere in F1”

Il presidente dell’ACI Angelo Sticchi Damiani sostiene che lo Stato italiano aiuti economicamente Antonio Giovinazzi a rimanere in F1

Il presidente dell’ACI Angelo Sticchi Damiani, a seguito delle recenti voci di mercato su Antonio Giovinazzi, esorta il Governo italiano a investire su lui

Angelo Sticchi Damiani ritiene che il valore di Antonio Giovinazzi, dapprima come italiano e poi come pilota debba essere soppesato dal Governo italiano, poiché potrebbe dare all’Italia un valore aggiuntivo. Tutto ciò dopo che il sedile del pugliese è stato messo a rischio dal “Dio” denaro per la stagione di F1 2022, con Nyck de Vries e l’attuale pilota di Formula 2 Guanyu Zhou in pole position per sostituirlo.

Il presidente dell’ACI difatti ha sottolineato elogiando il pilota di Martina Franca come: “È un grande pilota e non gli abbiamo ancora dato l’opportunità di mostrare il suo vero potenziale. Spero che il governo italiano tenga conto di tutto il valore che porta e faccia qualcosa per aiutarlo”. Proseguendo nel suo discorso, non fa giri di parole arrivando subito al punto sottolineando: “Naturalmente parlo di una valigetta con dentro la cifra necessaria per la sua continuità in Formula 1”.

I TEMPI CAMBIANO

Difatti al giorno d’oggi non esiste più solamente il merito sportivo, o meglio, non basta solo quello per rimanere nella massima serie automobilistica come avveniva in passato, ma senza una base economica solida alle loro spalle la loro permanenza è sempre in bilico. Ciò sta accadendo ad Antonio, con Sticchi Damiani che sottolinea anch’esso:

“Non è più come una volta, quando i bravi piloti non avevano problemi a mantenere il loro sedile. I piloti che valgono davvero ci sono, ma c’è anche chi ha più zero sul conto in banca per contribuire nelle casse della squadra. È nostro obbligo difendere Antonio e dargli l’opportunità di continuare a mostrare il suo vero potenziale in Formula 1”.

Ruggiero Dambra

Mi chiamo Ruggiero e sono un ragazzo pugliese di 24 anni, studente di giurisprudenza (presso l'Università degli Studi di Bari) e appassionato di Formula 1 fin da bambino. La mia "carriera" come editore inizia nel 2013 con la creazione di un piccolo blog dedicato inizialmente alla cronaca, per poi passare ad occuparmi interamente di motorsport. In seguito ho scritto per diversi siti riguardanti la F1, fino ad iniziare la mia avventura con F1world nel settembre 2018. Accreditato dalla Federazione Internazionale dell'Automobilismo (FIA) potrete vedermi qualche volta in giro nel paddock. Quando mi chiedono chi vincerà il mondiale secondo me, io rispondo: "Il migliore".

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.