Formula 1Test Fiorano

Da oggi la SF21 torna in pista a Fiorano

Un ultimo saluto alla vettura della scorsa stagione in vista dei test Ferrari che ormai sono diventati una tradizione

Schwartzman, Leclerc e Sainz si siederanno dietro il volante della monoposto della scorsa stagione, dopo più di un mese di lontananza dall’asfalto

In Ferrari si ritorna in pista con la SF21 per quattro giorni sul circuito di Fiorano. Per quello che ormai sta diventando un appuntamento di tradizione, utile ai piloti, così come a ingegneri e meccanici, per recuperare confidenza con la monoposto prima del grande debutto della nuova vettura. Infatti il contatto diretto con la monoposto manca dallo scorso dicembre, a Campionato terminato.

La FIA ha difatti permesso alle scuderie di utilizzare per i test le vetture della scorsa stagione. In virtù del cambiamento regolamentare, infatti, queste ultime non avranno nulla in comune con le nuove monoposto che scenderanno per la prima volta in pista in occasione dei test di Barcellona a inizio marzo. Ad aprire le danze sarà il nuovo collaudatore Robert Schwartzman, vicecampione in carica di Formula 2.

L’ULTIMO SALUTO ALLA SF21 A FIORANO

Il pilota russo aveva già iniziato a lavorare con la SF21 ad Abu Dhabi, 43 giorni fa, completando 73 giri. Questa mattina sarà infatti proprio lui a sedersi dietro il volante della SF21. Domani sarà invece il turno di Charles Leclerc, che cederà il posto al compagno di squadra Carlos Sainz per il giovedì. Anche per i due piloti titolari, infatti, l’ultima volta in cui hanno guidato una monoposto reale è stata la settimana dopo il Gran Premio a Yas Marina. Quando avevano provato con la macchina ibrida le nuove gomme da 18 pollici che saranno utilizzate a partire dalla stagione 2022.

 

A chiudere le quattro giornate a Fiorano sarà di nuovo Schwartzman. Al quale, essendo nuovo nell’ambiente, servirà più tempo in pista per comprendere le procedure e le dinamiche di un team di Formula 1. Se per la SF21 questo sarà un ultimo saluto in pista, la 674, codice interno a Maranello utilizzato per identificare la nuova vettura per il 2022, sarà rivelata fra meno di un mese, il 17 febbraio.

 

Alessia Verde

Di Napoli, classe 2002. Sono appassionata di letteratura e di teatro, e studio per poter specializzarmi in questi due campi. Con la Formula 1 e i motori è stato amore a prima vista. Tifosa della Rossa nonostante tutto, la Formula 1 è tra le cose che più mi emozionano al mondo. Ma ciò che mi emoziona di più è potervela raccontare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.