DichiarazioniFormula 1

Coulthard su Verstappen: “Non solo la vettura ad aver determinato il suo successo…”

Il vicecampione del mondo 2001 ritiene che l’olandese sia uno dei più grandi piloti indipendentemente dalla vettura

David Coulthard ritiene che il successo di Verstappen non sia dovuto solo alla vettura e ci spiega il perché della sua affermazione

David Coulthard ha espresso la sua opinione sul perché Verstappen sia uno tra i migliori piloti al di là della vettura su cui siede. Il campionato 2022 si è concluso con la vittoria dell’olandese, sebbene il titolo fosse stato già conquistato qualche gara prima della fine. Molto spesso si ritiene che la bravura di un pilota sia dovuta alla vettura che guida, tuttavia l’ex pilota della Red Bull ritiene che anche vincere con una macchina competitiva non è facile.

Inoltre, Coulthard ha aggiunto che chiunque affermi che il successo di Max Verstappen dipende esclusivamente dalla macchina è “un idiota”. L’olandese è stato in forma dominante nelle ultime due stagioni vincendo 25 gare in due anni e accumulando 854,5 punti, 227 più di qualsiasi altro pilota. “Così come Hamilton non ha bisogno di nove titoli mondiali per essere considerato uno dei più grandi piloti di questo sport, Max non ne necessita tre per essere ritenuto uno dei migliori. Max è già tra i grandi – ha proseguito – ed è da idioti affermare che ha ottenuto questi risultati solo perché aveva una buona macchina”.

Dopotutto, nessuno dei suoi compagni di squadra è stato in grado di eguagliarlo. Infatti, l’ex pilota britannico sottolinea che se fosse stato solo per la vettura, anche il compagno di squadra Sergio Perez avrebbe ottenuto altrettanto successo. Le due vittorie del messicano contro le 15 dell’olandese nel 2022 suggeriscono il contrario. Il grande pregio di Max è che riesce a non interessarsi di ciò che si dice di lui, è a sua volta una macchina vincente.

Forse l’era dell’olandese potrebbe finire…

Sempre Coulthard ha anche dichiarato che la stagione 2023 potrebbe riservare qualche difficoltà per l’olandese e già la conclusione della stagione 2022 ci ha dato qualche indizio. Anzitutto, i team Mercedes e Ferrari saranno più agguerriti che mai. Ambedue i top team, infatti, faranno tesoro dei problemi riscontrati e degli errori commessi nel corso dello scorso mondiale.

Dopo di che, l’ex britannico punta l’accento anche sui rapporti interni al team a seguito dei recenti battibecchi con il compagno di squadra, Sergio Perez. Inoltre, non dimentichiamo che anche le penalità inflitte alla Red Bull per il mancato rispetto del budget cap nel 2021 contribuirebbero a determinare la fine dell’era d’oro di Max. Secondo Coulthard, tutti questi fattori porterebbero allo stop del dominio del numero 1 non perché non sia un pilota brillante, anzi, ma perché potrebbe non disporre di una vettura da titolo mondiale.
 

Federica Incatasciato

Siciliana, classe '97, a Torino. Ho una laurea magistrale in Ingegneria Biomedica. Sono perfezionista fino al midollo e super scaramantica, cerco di sfruttare sempre il mio tempo in maniera proficua per imparare più cose possibili. Mi piace leggere e scrivere di politica, storia, letteratura e Formula 1. Fin dal liceo ho coltivato la mia passione per le auto da corsa e in particolare per la Formula 1. Essendo un'ingegnere, della Formula 1 mi affascina molto tutto il lavoro che c'è dietro a quelle monoposto, frutto di studio, strategia e collaborazione all'interno del team.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button