DichiarazioniFormula 1Gran Premio Gran Bretagna

Continuano le polemiche sul contatto Hamilton-Verstappen

Brundle rivela alcune novità sulla discussione in atto, sottolineando il momento di imbarazzo vissuto nel corso della gara nel sentire i team radio delle due scuderie

Continuano le polemiche sull’incidente che ha coinvolto Verstappen e Hamilton durante la gara di Silverstone

Sembrano non volersi arrestare le discussioni su quanto accaduto al GP di Gran Bretagna. La Red Bull, ha dato vita a una serie di manovre per cercare di convincere chi di dovere a rivedere la situazione. In merito a questo, Martin Brundle ha rivelato alcune informazioni secondo cui la scuderia avrebbe prove sufficienti a dimostrare quanto Hamilton fosse veloce alla Copse.

Mi è stato detto dalla Red Bull ch ci sono i dati per dimostrare come Hamilton fosse significativamente più veloce alla Copse che in qualsiasi altro punto della pista“, ha dichiarato. “Avrebbe fatto la curva andando largo e andando a impattare inevitabilmente contro Max“. “Presumibilmente, queste informazioni saranno rese pubbliche se la Red Bull riterrà di avere nuove prove. Potrebbe fare appello alla FIA, per la clemenza percepita nei confronti di Hamilton“, ha continuato Brundle.

UNO SPETTACOLO IMBARAZZANTE

Intervistato da Cielo, Brundle ha poi commentato il siparietto andato in scena tra Mercedes e Red Bull, di cui anche i tifosi hanno potuto ascoltare i team radio. La sua opinione è di rivedere questo processo, creando nuove procedure che vadano a evitare momenti imbarazzanti come quello andato in scena a Silverstone, dove i due team principal si sono aperti al colloquio con Masi per puntare il dito l’uno contro l’altro.

È stato un po’ imbarazzante sentire i team principal e i manager di Red Bull e Mercedes tentare di influenzare la situazione, facendo pressioni sul direttore di gara. Ma questo sembra essere il sistema di comunicazione attuale, lo stiamo trasmettendo per la prima volta questa stagione. Michael Masi fortunatamente li ha indirizzati verso gli steward e posso immaginare una revisione futura di queste procedure“, ha concluso Brundle.

Sembra quindi che il confronto a cui Hamilton si è reso disponibile nei confronti di Verstappen debba forse essere esteso a entrambe le scuderie. Del resto, puntare il dito l’uno contro l’altro nella speranza di avere la meglio non è certo stato uno dei migliori momenti della Formula 1.

Anna Vialetto

Anna è sinonimo di determinazione, concentrazione e curiosità. Ho sempre studiato e lavorato per rincorrere e realizzare i miei sogni, con l'obiettivo di concretizzarli in quella che è la mia più grande passione: l'automotive. La Formula 1 per me è parte integrante della mia personalità: il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo centimetro, la velocità delle monoposto. Ma soprattutto, tutto il mondo che sta dietro allo spettacolo in pista: l'organizzazione, la comunicazione, il marketing, l'energia...la stessa che, fin da quand'ero bambina, mi ha portata a coltivare questo grande amore.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.