DichiarazioniFormula 1

Christian Horner interviene in difesa della FIA: “È la giusta direzione”

Il team principal della Red Bull si è espresso nei confronti della FIA e della gestione delle gare

Le controversie riguardo alcune diposizioni della FIA non si fermano neanche quest’anno, ma Christian Horner è intervenuto in sua difesa in merito alla gestione delle gare di questa stagione

La conclusione della stagione del 2021 rimarrà nella storia come una delle più controverse. Il Gran Premio di Abu Dhabi, che ha sancito la vittoria del titolo Mondiale da parte di Max Verstappen, continua a far discutere. Per evitare che una simile situazione si ripeta, ogni provvedimento della FIA viene a lungo ponderato e analizzato.

In particolare, a finire nel mirino è spesso la gestione di gara e il processo decisionale degli steward. A tal proposito, anche Christian Horner ha espresso la sua opinione. Il team principal della Red Bull ha spiegato che le preoccupazioni sulle disposizioni della Federazione saranno sempre presenti, ma ha voluto sottolineare come la Formula 1 sia diventata popolare negli ultimi anni a prescindere da FIA e steward.

Penso che lo sport non sia mai stato in salute migliore. Ovunque andiamo, ci sono folle da record. Le cifre di osservazione sono alle stelle. L’interesse per lo sport è ai massimi livelli, il prodotto è ottimo e le corse sono forti. Penso che in generale stiamo andando nella giusta direzione”.

Alla FIA si richiede coerenza

GPFans ha chiesto a Horner se c’è ancora frustrazione nei confronti della FIA e degli steward in questa stagione. La sua risposta è stata flemmatica: “Sempre, ma devi preoccuparti delle cose che puoi controllare, non di quelle che non puoi. Ci saranno sempre frustrazioni, ma devi solo affrontarle e andare avanti”.

Di frustrazione, infatti, ha parlato anche il rivale della Mercedes, George Russell. Il giovane inglese, nonostante l’amarezza per i 5 secondi di penalità scontati dopo uno scontro con Sergio Perez, ha comunque riconosciuto la difficoltà del lavoro dei commissari. L’unica sua richiesta, ha detto, è quella che si usi la coerenza.
Horner sembra essere d’accordo: “Penso che vorrai sempre la coerenza [delle decisioni]. È la cosa più importante”.

Anche per questo dopo Abu Dhabi il regolamento si è fatto più intransigente e meno suscettibile alle interpretazioni. “Hanno avuto grandi cambiamenti all’interno della loro organizzazione negli ultimi sei mesi. E ‘un lavoro in corso. Sono sicuro che risolveranno tutto“, ha concluso Horner.

.

Silvia Gentile

Sono Silvia, vengo da Torino e sono laureata in Discipline della Arti, della Musica e dello Spettacolo. L'amore per la Formula 1 è nato solo qualche anno fa, in maniera improvvisa e inaspettata, ma da allora uno dei miei desideri è quello di raccontarne le vicende e i protagonisti a chiunque abbia voglia di ascoltare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.