DichiarazioniFormula 1

C’è il modello Ferrari dietro l’ingresso di Alpine in Formula 1

Enzo Ferrari non nascondeva di aver impostato i suoi affari nelle auto stradali col fine di finanziare il team in Formula 1

Il CEO Renault Luca De Meo è intervenuto sul rebranding che dal 2021 coinvolgerà il team francese

Sembra che dietro l’ingresso di Alpine in Formula 1 ci sia il modello Ferrari. Come è noto, il Drake amava vedere le auto stradali in subordinazione alle competizioni in pista. Ma a prescindere dalle motivazioni originali, quello di Enzo Ferrari si è rivelato un brillante piano aziendale. La fama del Cavallino Rampante ha contributo infatti ad alimentare il successo reciproco in tutti i settori inerenti alla Ferrari.

Questa visione binaria non è troppo diversa da quella che ha in mente Luca De Meo, CEO Renault, che ha da pochi giorni avviato il processo di rebranding del team francese. In carica da luglio, il dirigente italiano ha dovuto prendere delle decisioni rapide per uscire dalla crisi finanziaria generata dalla pandemia. Tra le scelte più importanti, le valutazioni sul progetto Formula 1 e sulla scelta di impegnarsi nella categoria per un altro periodo quinquiennale.

Come avvenuto per altri team, l’introduzione del budget cap e il livellamento dei rapporti di forza, ha facilitato la situazione per chi si trovava in difficoltà. Una volta risolte le prime problematiche, De Meo vede adesso la possibilità di ricalcare il modello di business della Ferrari. L’obiettivo è quello di creare un circolo virtuoso, capace di coniugare i profitti aziendali con i successi in pista.

DE CEO FIDUCIOSO SUL PROGETTO

“Abbiamo bisogno di creare un business che ci aiuti a finanziare il nostro impegno nel Motorsport. Per garantire l’impegno del gruppo nel mondo delle competizioni  gli anelli della catena devono integrarsi tra loro.  Personalmente ho molta fiducia nel nostro progetto e so che potrà funzionare” , ha dichiarato lo stesso De Ceo in un’apparizione durante il GP d’Italia.

Secondo De Meo, Renault è un marchio troppo grande perchè le persone non associno nulla di ciò che otterrà Alpine in Formula 1 con l’impegno della casa madre nelle vetture stradali. Un’avventura, quella di Alpine, che nel 2021 potrà contare sull’esperienza e sulla visibilità fornita da un grande nome come quello di Fernando Alonso. Il due volte campione del mondo farà infatti il suo ritorno nel paddock dopo due annate trascorse tra WEC e Indycar.

Il nostro è un marchio storico, conosciuto in tutto il mondo. Abbiamo dei problemi e tante sfide da affrontare, ma non credo che ci sia un difetto di consapevolezza su quella che è la nostra identità. Il rebranding è semplicemente un modo per andare avanti, per fare qualcosa di nuovo e interessante, sia per noi che per il pubblico che ci guarda. Ho fiducia nei nostri mezzi e penso che possiamo porre le basi per una storia molto, molto bella.”, ha così concluso De Meo

 

 

Danilo Tabbone

Mi chiamo Danilo, ho 20 anni, vengo dalla Sicilia e studio all'Università di Palermo. La Formula 1 è la mia più grande passione, la seguo da quando ero bambino, e le emozioni che mi suscita sono parte integrante della mia personalità. Dal 2020 scrivo per F1world.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio