Carlos Slim, sponsor Ferrari e primo azionista del New York Times

Mexican tycoon Carlos Slim speaks during

Il New York Times ha un nuovo padrone. Stiamo parlando di Carlos Slim, messicano e magnate delle telecomunicazioni in Sud America, conosciuto principalmente per essere considerato la seconda persona più ricca al mondo dopo Bill Gates. In un secolo che corre sempre di più verso l’informazione che passa su Internet, Carlos Slim ha deciso di andare controcorrente acquistando uno dei più importanti giornali del mondo. Il 2015 è cominciato davvero nel migliore dei modi per Carlos Slim che, proprio da questa stagione sarà uno degli sponsor della Ferrari, attraverso il gruppo America Movil, grazie all’ingaggio da parte del Cavallino Rampante di Esteban Gutierrez in qualità di terzo pilota della Rossa.

In base alla nota comparsa nella giornata di ieri sul quotidiano newyorkese, Carlos Slim è arrivato a possedere il 16,8% delle azioni societarie disponibili sul mercato che lo rendono effettivamente azionista di maggioranza. Ma l’operazione parte da parecchi anni prima: nel 2009, il messicano aveva fatto un prestito da 250 milioni di dollari a Time Co, ricavando da questo accordo la possibilità di acquistare 15,9 milioni di azioni di classe A a 6,36 dollari, diverse da quelle di classe B in mano alla famiglia Sulzberger, proprietaria del quotidiano da generazioni.

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono un'educatrice cinofila. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso. Per me la sincerità e la franchezza sono alla base di ogni rapporto umano. Sono pignola e puntigliosa ma disordinata e pasticciona allo stesso tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.