DichiarazioniFormula 1

Brown si gode la crescita di Sainz

Il direttore della McLaren ha apprezzato lo sviluppo del pilota spagnolo

I piani alti del team di Woking si godono l’ex pilota della Renault consapevoli di aver creato un ambiente favorevole alla sua crescita

Il direttore esecutivo della McLaren, Zak Brown, ha sottolineato l’importanza di dare fiducia allo sviluppo e alla crescita di un pilota come Carlos Sainz, che per la prima volta è stato impegnato in un progetto a lungo termine. Zak Brown crede che ambienti come la Red Bull non siano vantaggiosi per il benessere di un pilota. L’americano si basa sul passo in avanti che Sainz ha fatto nel 2019, non appena McLaren gli ha teso la mano.

“Carlos è stato eccezionale. Penso che abbia vissuto solo con contratti di un anno nell’ambiente Red Bull-Toro Rosso. Ovviamente la Red Bull è una squadra fantastica, ma possono essere un po’ duri con i loro piloti“, ha detto Brown all’Autosport International Show, come pubblicato dal sito ufficiale di Formula 1. “Penso che Carlos sia un pilota che ha bisogno di avere il supporto della squadra senza il rischio che la gara successiva sia l’ultima, che è un po’l’ambiente che creano lì a volte”, ha detto Brown.

D’altra parte, Brown riconosce che era rischioso far firmare Lando Norris per la sua giovane età, ma sottolinea che lo ha fatto perché ha visto segnali molto chiari già dalle sue prime prove libere con la squadra, nel weekend del GP del Belgio del 2018. “Penso che sia stato un rischio, dato che Lando è stato il più giovane pilota britannico. Ha fatto un campionato stellare ad ogni  evento. Si è adattato a noi quando ha fatto le sue prime prove libere, è stato impressionante. Anche quando ha corso la 24 ore di Daytona 24 con Fernando Alonso come partner è stato fantastico. In effetti, c’è stato un bel dibattito per vedere chi fosse il più veloce “, ha confermato il direttore della McLaren.

“Lando ha accettato la sfida. Sapevo che era pronto quando ha fatto il suo primo allenamento. Era rilassato come quando l’ho visto sulla griglia di una gara di Formula Renault. Ricordo che nella prima sessione che ha affrontato la pista era bagnata e nonostante ciò sembrava calmo, aveva subito la velocità “, ha concluso Zak Brown.

Pubblicità

Gabriele Gramigna

Mi chiamo Gabriele, sono un ragazzo molisano e studio chimica all'università di Padova. Dal 2018 scrivo per F1World, cercando di trasmettere la mia passione per la Formula 1 in tutti i miei articoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button