DichiarazioniFormula 1

Bottas: “Rosberg? Io non sono come lui”

“Woodman”, il boscaiolo, ha parlato del rapporto con il compagno di squadra, prendendo in considerazione anche il passato con l’iridato tedesco

Il pilota finlandese ha riconosciuto che il 2021 potrebbe essere l’ultimo anno utile per poter battere Lewis Hamilton

Valtteri Bottas non ha intenzione di seguire le orme di Nico Rosberg, che aveva raccontato di aver utilizzato dei “giochi psicologici” per provare a battere Lewis Hamilton. Il finlandese ha ancora il desiderio di sconfiggere in pista il sette volte campione del mondo, riconoscendo che il 2021 potrebbe rappresentare la sua ultima possibilità concreta. Lo stesso finlandese ha rivelato che diverse persone gli hanno consigliato di seguire le orme di Rosberg per battere Hamilton; tuttavia, Bottas non ritiene utili mosse del genere.

Il numero 77 ha detto di non vedere alcun vantaggio nel cercare di disturbare Hamilton mentalmente, anzi. Queste eventuali mosse potrebbero consegnargli risvolti negativi. “Ci sono state molte persone che mi hanno suggerito di diventare un Nico Rosberg, ma io non sono come lui. Inoltre, conosco Lewis e so che non ci sarebbe alcun vantaggio, cercando di entrare nella sua mente. Penso addirittura che si arrabbierebbe e andrebbe ancora più veloce, ha detto Bottas ai tedeschi di Motorsport Total.

D’altra parte, il finlandese è soddisfatto per il bel rapporto personale e professionale che ha con Hamilton. Entrambi i piloti rispettano, infatti, gli ordini di squadra, quando arrivano dal muretto box, e combattono sempre in modo pulito, quando si incrociano in pista. “La nostra forza è che lavoriamo uniti come una squadra. Possiamo guidare e combattere duramente o rimanere nelle posizioni più utili. Sappiamo che la squadra trarrà vantaggio se lavoriamo insieme. Non ci nascondiamo a vicenda set up, dati o altro“, ha aggiunto “woodman”.

BOTTAS, ROSBERG E L’ULTIMA POSSIBILITÀ

Tuttavia, l’obiettivo principale resta quello raggiunto da Rosberg nel 2016: sconfiggere Hamilton. Il finlandese ha chiaro in mente che le opportunità per farlo non sono infinite e, molto probabilmente, il 2021 potrebbe rappresentare l’ultima occasione. Pertanto, Bottas ha riconosciuto di essere disposto a cambiare mentalità per raggiungere il traguardo.

“In Formula 1 non esistono milioni di opportunità. Non ho 15 stagioni per sconfiggere Lewis, so che dovrò provarci quest’anno. Sono disposto a provare qualcosa di diverso, forse è arrivato il momento di osare, ha detto Bottas in conclusione.

Amedeo Barbagallo

Catania, 2001. Studio Filosofia e curo un Blog. Collaboro con F1world. Sono l'autore del libro "I ragazzi che salvarono il mondo", Santelli Editore.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.