2019Formula 1

Binotto: “Fatto un grande sforzo, ora pensiamo al 2020”

Il grosso pacchetto aerodinamico introdotto a Singapore è stato l’ultimo importante step evolutivo della SF90, come affermato dal team principal Ferrari

Singapore il punto di svolta di questa stagione

Mattia Binotto ha annunciato che non sono più previsti grossi pacchetti di aggiornamenti sulla SF90 in questa stagione, in quanto il focus si è spostato sul 2020. La vettura di Maranello ha compiuto grossi passi avanti nelle ultime gare, dimostrandosi veloce non solo sui circuiti da basso carico aerodinamico, ma anche in quelli più lenti e tortuosi, com’è stato a Singapore e in Russia.

La Ferrari approcciato alla stagione con le migliori sensazioni, dopo ottimi test invernali che avevano proiettato la Rossa a favorita del lotto. L’inizio dell’anno non ha rispettato i pronostici, mettendo la vettura di Maranello nettamente alle spalle della Mercedes e spesso anche della Red Bull. Solo le ultime gare hanno cambiato le gerarchie, come testimoniato dalle quattro pole position consecutive, e tre vittorie negli ultimi quattro appuntamenti.

BINOTTO ANNUNCIA: “ORA IL FOCUS SI SPOSTA SUL 2020”

Il team principal della Ferrari ha ammesso come gli sforzi siano stati trasferiti sulla vettura 2020. Dopo il grosso pacchetto portato a Singapore, si vedranno solo piccole nuove parti da qui alla fine della stagione:

“Ora, in fabbrica, siamo davvero concentrati principalmente sull’auto del prossimo anno e ogni aggiornamento in questa stagione non sarà così importante come quello che abbiamo avuto a Singapore” – ha confermato Binotto a Crash.net. “Dal momento che penso che la Spagna sia stata al primo posto, le prestazioni sono state pessime sui circuiti di massima deportanza e basse curve.”

“Penso che abbiamo fatto molti sforzi internamente per cercare di capire quali fossero i punti deboli della macchina, il comportamento delle gomme e cercare di impostare la direzione per lo sviluppo. La decisione che abbiamo adottato è stata lo sviluppo continuo, devo dire, perché non solo Singapore ha portato nuove parti, ma ne abbiamo portate alcune in precedenza in altre gare e ciò che abbiamo ottenuto a Singapore è stata la somma di tutto”.

“Non è solo l’aerodinamica, certamente con l’aero che abbiamo affrontato uno dei punti deboli che abbiamo riscontrato, ma penso che stia attraversando anche una buona comprensione dell’auto, trovando il giusto compromesso sull’equilibrio e sull’allestimento, e peno che sia davvero la comprensione dell’auto, l’allestimento e l’aero che è importante andare avanti ”.

Topics
Pubblicità

Samuele Fassino

Mi chiamo Samuele, ho 19 anni. Sono un grande appassionato di motori, specie di Formula 1 nella quale spero di lavorare un giorno. Oltre ai motori le mie passioni si estendono al calcio ed alla filosofia anche se, più in generale, mi piace tenermi informato su qualsiasi tema. Sono molto determinato e cerco sempre ottenere il massimo da ogni situazione.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close