2015Curiosità dalla F1

Audi: «Abbiamo detto di no alla Formula 1 per la sua politica»

Topics

Ormai se ne parlava da un paio di anni. Con cadenza pressoché semestrale tornavano a farsi insistenti rumors a riguardo di un possibile interessamento del gruppo tedesco per fare il suo ingresso in Formula 1, voci che hanno iniziato a circolare ad ampio raggio soprattutto dopo il passaggio di Stefano Domenicali nel board della casa dei quattro cerchi. Tutti sognavano di avere l’Audi in Formula 1. Non ha nascosto di desiderarlo nemmeno Bernie Ecclestone, che sarebbe perfino pronto a fare un passo indietro, lo desidera la Red Bull, che spera di poter così avere a propria disposizione un motore competitivo.

Il colosso tedesco non è interessato al Circus. A confermarlo è stato Wolfgang Ullrich, Responsabile di Audi Motorsport, che ha lasciato intendere come il marchio tedesco, impegnato in DTM, WEC, TT Coup e GT, non abbia alcun interesse nei confronti della Classe Regina del Motorsport: «È 22 anni che mi chiedono se Audi entrerà in Formula 1 ogni sei mesi. Per il momento abbiamo deciso che non è ancora il momento giusto per provarci – ha commentato il manager – Attualmente non c’è alcuna opzione plausibile per vedere Audi in Formula 1, non abbiamo alcuna intenzione di provarci».

Nonostante la difficile situazione dei Red Bull, che più di tutti si sarebbe augurata un ingresso da parte dell’azienda tedesca nella speranza di avere a propria disposizione un motore competitivo, secondo il manager tedesco a non attirare l’interesse di Audi per la Formula 1 è la politica che regola la Categoria: «Abbiamo preso una decisione. Se le cose cambieranno non vedo perché non potremmo ripensarci su – ha chiosato Ullrich, che non ha chiuso le porte alla Formula 1 – Attualmente però non siamo interessati, lo ribadisco: non è il momento giusto. Il modo in cui viene gestita la Formula 1 è la principale motivazione che ci ha spinto a non prendere in considerazione la Categoria. È tutto un insieme. Bisogna che ci sia più competizione sportiva e meno politica».

Topics
Pubblicità

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora, ho 32 anni e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono un'educatrice cinofila. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso. Per me la sincerità e la franchezza sono alla base di ogni rapporto umano. Sono pignola e puntigliosa ma disordinata e pasticciona allo stesso tempo.

Altri articoli interessanti

2 Commenti

  1. Beh non posso certo biasimarli, hanno già la loro visibilità nei campionati WEC e DTM, che scandalo o non scandalo, farà sempre bene alle vendite. La F1 e le sue pazze regole, per non parlare dei costi esorbitanti, per loro sarebbe più un passo indietro che avanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button