DichiarazioniFormula 1

Alonso: “Sainz? Bravo. Ma ai miei tempi…”

L’asturiano due volte campione del mondo si congratula con il connazionale per il podio conquistato a Monaco. Lancia poi una frecciatina sulla reazione avuta dal pubblico al tempo dei suoi podi

Tra presente e passato. Alonso si complimenta per il secondo posto di Sainz nel Principato, ricordando anche le reazioni alquanto fredde ai suoi ultimi podi

Carlos Sainz a Monaco, ottenendo la seconda piazza, ha conquistato con merito il suo primo podio con la Ferrari. E nonostante il rammarico provato (forse molto di più) per l’assenza di Charles Leclerc, gli uomini del Cavallino hanno saputo festeggiare adeguatamente l’avvenimento. Anche Fernando Alonso si è complimentato con il proprio connazionale dicendosi “davvero felice”. Ma volendo anche aggiungere un paragone con il suo periodo in Rosso.

DIFFERENZE

“Ho parlato con lui quando, in griglia, era il momento dell’inno nazionale. Lui era già [ndr. praticamente] sul podio, dato che partiva effettivamente terzo a causa dei problemi avuti da Leclerc. Il ritiro di Bottas non ha fatto altro che migliorare la sua posizione. Sta avendo un buon inizio di stagione, e tutti noi ci auguriamo di vederlo vincere il prima possibile. Anche se realisticamente in circuiti normali continueremo a vedere davanti le Mercedes e le Red Bull. In quel momento gli si è presentata l’opportunità e lui è stato in grado di coglierla. Quindi molto bravo”, le parole del due volte campione del mondo riportate da Motorsport.com.

Agli elogi a Sainz è seguita poi un’osservazione personale: “Ricordo che, cinque o sei anni fa, quando facevo all’incirca nove o dieci podi a stagione, il secondo posto era accolto in conferenza stampa con un’atmosfera da funerale. Questo perché la gente mi chiedeva sempre quando avrei vinto. E ora, che in carriera ne ho collezionato novantasette, penso che quei podi non abbiano avuto il rispetto e la considerazione che avrebbero meritato”.

Vi è da dire però che le due situazioni sono alquanto diverse. Prendendo a riferimento l’ultima stagione davvero competitiva di Alonso in Ferrari (quella del 2013) e volendo fare una comparazione con questa che stanno vivendo a Maranello, è davvero difficile trovare somiglianze. L’approccio era/è completamente differente perché le aspettative erano/sono completamente differenti. E di conseguenza anche le reazioni non possono essere le stesse.

Silvia Quaresima

Il mio amore per la Formula 1 é sempre stato lì con me, fin da quando ho ricordo delle vittorie di Michael in rosso. Ma con il tempo è cresciuto così tanto che ora c’è voglia di esserne parte e di raccontarla.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.